Coma Berenices – Archetype

“Archetype” (uscito il 17 aprile per La Lumaca Dischi, ASCOLTA SU SPOTIFY ) è il nuovo disco di Coma Berenices, band formata da Antonella Bianco (chitarra elettrica, tastiere), Daniela Capalbo (chitarra elettrica, chitarra acustica), Andrea De Fazio (batteria) e Gabriele Cernagora (clarinetto). Il disco, caratterizzato da sonorità acustiche ed elettriche, contaminazioni ritmiche e melodie intime, è stato seguito dall’uscita del primo singolo “Archè”, accompagnato dal videoclip prodotto da Berenice Film, team creativo milanese attivo dal 2018 guidato da Marco Longo e Fulvio Lombardi:
L’album di Coma Berenices (il nome fa riferimento ad una piccola costellazione visibile nelle notti primaverili o estive quando il cielo non è inquinato. Secondo il mito greco, si trova lassù da quando la regina Berenice fece voto solenne di consacrare ad Afrodite la sua bellissima chioma come pegno d’amore) è composto da 6 brani: il primo è Arché che “nasce dal nulla, incombente, una melodia eterna, e al nulla ritorna, per rinascere, e rinascere ancora, in punta di piedi, per non svegliare”. Poi arrivano le due parti di “Keep Your Feet On The Stars Pt” 1 e “Keep Your Feet On The Stars Pt 2”: “ascoltando una nave nel cielo, i suoni nel mattino e la luce del giorno negli occhi. Ti manca la terra sotto ai passi e hai disperso la tua immagine negli specchi della casa. Le chitarre come una bora nei temporali in cui le nuvole piangono di gioia.” Silent Days: “piove e tu dici è come trovarsi nella danza incessante del mare nel buio. Stai tremando ma come se non fossi tu: nel silenzio dei giorni hai preso una pagina bianca e hai scritto «per quanto sarò sola?” Altro brano è À l’improviste, canzone- rifugio, i tuoi passi che risuonano nelle nostre passeggiate. Improvvisamente ti sei voltata per essere sicura di non aver lasciato tracce lungo il percorso sulla scogliera. “Non lasciarmi” sono le parole che stai cercando. Il disco chiude con “Riyad”, un messaggio, forse tanti. Richiami urgenti, ma non sappiamo decifrarli. Quanti volti non ci sono più, nascosti fra le mani. Dissolvenze. E non possiamo guarire, creare niente. Ma allora: da dove questa tenerezza.
Nel videoclip di Archè la relazione con le origini diventa il motore di un immaginario atmosferico, denso di memoria e desiderio: proprio come negli occhi dei due fratelli protagonisti di fronte al patrimonio della propria infanzia, fatto di simboli ricorrenti e di una presenza materna pronta a trasfigurarsi. Girato nel tempo con attori non professionisti, il videoclip coltiva l’attrazione del cinema diretto per l’istante, giocando con la luce e il buio nel tentativo di liberare l’autenticità delle emozioni.


Categorie:Musica, Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: