Simone Reyes quando il sogno di fare musica diventa realtà

Simone Reyes è originaria di New York ed è cresciuta con la musica hip hop. Ha trascorso anni con gioia e con successo aiutando a modellare il sogno d’intrattenimento del magnante e filantropo Russell Simmons in una realtà che è diventata leggenda. Ora, e per la prima volta nella sua vita adulta, è in grado di concentrarsi sul suo sogno e seguire la sua passione… la MUSICA COUNTRY. Dedicata a onorare il suono senza tempo del country dei suoi idoli come: Patsy Cline, Loretta Lynn, Tammy Wynette e altri. Le sue canzoni sono contemporanei e autenticamente vere.

Crazy11 Close Truck 02.jpg

Potrebbe dirci qualcosa sull’inizio della sua carriera? Tornata a New York, anni fa, ho registrato alcune canzoni country con due cantautori di grande talento come Kenneth Compton e Scott McClatchy. Mi è piaciuta molto l’esperienza, ma non ho mai avuto il tempo di concentrarsi sulla musica. Lavorare per Russell Simmons è stato un impegno di 24 ore e trovare il tempo per i miei sforzi è stato molto difficile. Il tempo libero che avevo è stato usato per sostenere gli animali sofferenti così alla fine avevo poche ore di sonno nella notte! Ho messo la mia musica a tacere. Ora sono così entusiasta, dopo tanto tempo, posso soddisfare il bisogno di fare quello che amo, che è cantare e scrivere canzoni.

Cos’è la musica per te? La musica è vita. La musica è una compagna e una guaritrice. La musica è la colonna sonora delle nostre vite. Ci rende felici, tristi e tutto il resto. Senza musica il mondo non avrebbe colore. La musica è tutto.

Il tuo genere è la musica country. Come è nata questa tua passione: Country Music è un progetto passionale che sapevo essere sempre dentro di me, aspettando solo l’opportunità di fiorire.  Vengo da una famiglia di musicisti e ho sempre saputo che, esprimermi attraverso la musica, era nel mio sangue. Mio padre, Roberto Reyes, è un famoso chitarrista di flamenco e mia madre, da bambina, cantava in Irlanda dove è nata e cresciuta. Sono cresciuta ascoltando sempre la musica country che suonava nel nostro appartamento, nel Greenwich Village dove vivevamo.  Mia madre elenca ancora la musica country come il suo genere preferito di tutti i tempi e lei mi ha cresciuta con i classici di questo genere.  Abbiamo avuto Kenny Rogers e Dolly Parton a ripetizione ogni giorno!

Cosa vuoi trasmettere al pubblico? Alcune delle mie canzoni che scrivo e alcune delle musiche che scelgo di registrare sono scritte da altri cantautori. Ma scelgo solo canzoni che avrebbero potuto essere scritte da me, dal punto vista personale. Non mi sentirai mai cantare una canzone che non ha un forte contenuto lirico che si riferisce direttamente alle mie esperienze di vita.  Mai.  Quando ho sentito, “I’m Ready”, che è il mio singolo di debutto scritto da Mason Douglas e Bill Di Luigi, ho capito subito che era la canzone più autobiografica che avrei mai sognato di registrare.  Ogni pensiero del testo è così centrato con quello che provo nella mia vita da non avere dubbi che risuonerà anche in altre persone, soprattutto le donne, le quali hanno sogni che sono stati gettati sotto il tappeto e che invece meritano di essere realizzati. Il mio sogno si è già avverato, potendo condividere la mia musica con gli altri.  La mia speranza è che con “I’m Ready” altre persone si relazionano, vengano ispirate dal suo messaggio e dal video musicale, spero che escano e vadano a vivere il loro sogno.  Il messaggio è che i sogni non hanno una data di scadenza. 

IMG_4083 copy.PNG

Come nascono le tue canzoni? Che cosa ti ispira? Quando scrivo di solito lo faccio sull’amore.  Certo, a volte è amore romantico, ma può essere l’amore della tua famiglia, del pianeta, dei tuoi animali compagni di vita e per te stesso.  Sono selvaggiamente ispirato dal concetto di musica come medicina.  La musica è la guaritrice universale.  Se posso offrire canzoni che aiutano gli ascoltatori a sentirsi bene, ispirati o semplicemente dare loro una canzone che pulisce con le lacrime il loro trauma sepolto, allora il mio lavoro come artista è finito.

Quali sono i nuovi progetti o concerti nella vostra agenda? Ho un concerto a Ojai in arrivo, i soldi dei biglietti vanno a una grande raccolta fondi. Sto provando come un matto per assicurarmi che il pubblico capisca il suo valore.  Vivo in un magico quartiere di Los Angeles, chiamato Laurel Canyon.  La storia musicale del canyon è roba da leggenda. Ogni anno c’è un festival chiamato “Love Street” (dal nome della strada a cui Jim Morrison ha fatto riferimento nella sua canzone con lo stesso nome quando viveva nel canyon) e mi è stato chiesto di esibirmi lì. È speciale perché molti dei musicisti iconici del canyon tornano per rendere omaggio al Laurel Canyon e alla musica epica che è stata fatta qui. Ho intenzione di girare un video in poche settimane per un altro singolo, chiamato “C’mon Baby” che è una canzone sul tempo e per me si percepisce il vero old country. La canzone è quella tipica che si ha quando si hanno ancora sentimenti per l’ex una danza complicata che spesso ritorna quando lo vedi dopo una pausa. Come ho detto, la mia arte rispecchia la mia vita a volte!

Grazie mille Simone Reyes, per questa intervista e buona fortuna per la tua carriera.

Grazie mille!

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.