Centrifughe, estratti di succhi di frutta e frullati

Negli ultimi anni si è diffusa moltissimo l’abitudine a bere la frutta invece che mangiarla…

Risale a qualche anno fa il momento che possiamo considerare l’origine di questa grande moda di succhi e centrifughe. Era il 2010 quando Joe Cross, un australiano peso di 140 kg e malato di un’orticaria autoimmune, realizzò un diario documentario del suo personalissimo percorso verso il peso forma. Un cammino inizialmente sofferto, segnato da numerosi tentativi di dieta fallita, fino alla decisione di intraprendere sotto stretto controllo medico un digiuno di 60 giorni durante i quali si nutre esclusivamente di succhi composti al 80% di verdura e il 20% di frutta. Dimagrì di oltre 40 kg.

L’importanza di non abusare di centrifughe e succhi, andiamo a scoprirne il perché…

L’errore che comunemente commettiamo è ritenere centrifughe, estratti, frullati un modo corretto per assumere molta più frutta di quanto ne mangeremo normalmente. La frutta è ricca di fruttosio, uno zucchero difficile da gestire per le nostre cellule, in grado di indurre, se consumato in eccesso, insulino-resistenza, sindrome metabolica il diabete di tipo 2, e di aumentare il rischio di malattie cardiovascolari tumori ed Alzheimer. Il fruttosio è particolarmente dannoso Se consumato in forma liquida come ad esempio nei succhi di frutta, quindi privato dei suoi antidoti naturali che sono in primis la fibra e, a seguire, le vitamine gli antiossidanti presenti nel prodotto integro che vanno rapidamente degradandosi nel succo. Le centrifughe di verdura, invece, non contengono fruttosio è opportuno dosi elevate di vitamine, minerali, oligoelementi, antiossidanti, enzimi tutte quelle sostanze in grado di giustificarci e accrescere la nostra vitalità. Ecco in questi casi succhi diventano di grande aiuto ma di verdura! Magari possiamo aggiungere un frutto per rendere più dolci senza richelli troppo in fruttosio.

Distinzione tra centrifuga e frutta

La centrifuga è uno strumento dotato di lame che girano ad altissima velocità (12-14 mila giri al minuto). Velocità che sviluppa calore in grado di ossidare molte delle vitamine e questo non è un punto a favore dei centrifugati. Il succo che otteniamo dalla centrifuga è molto chiaro perché la frutta viene privata del tutto della fibra: avremmo si un ci centrato di vitamine, ma anche di zuccheri. Questo rende la centrifuga una bevanda non adatta a tutti, controindicata chi soffre di sbalzi glicemici o di diabete che dovrebbe preferire ma metodi alternativi per assumere questo concentrato di energia vitale.

Qualche ricetta utile per preparare qualche centrifuga.

Centrigufato di pera e mela

Mettete nella centrifuga 2 mele e 2 pere mature, Aggiungete la fine un cucchiaino di succo di limone niente zucchero, la frutta usata per questo centrifugato è già molto dolce.

Centrifugato di pompelmo cetriolo e menta

Un centrifugato tra i più rinfrescanti: merito del pompelmo del sapore rinfrescante della menta! Mettete la polpa di mezzo pompelmo nella centrifuga con un cetriolo ( Se volete essere Certo che non sia troppo amaro eliminate la buccia) e 5 foglioline di menta fresca. Tra le mille proprietà di questo centrifugato non sottovalutate quella drenante che mi aiuterà a combattere la cellulite.

Centrifugato di ananas mele e sedano

Un centrifugato rinfrescante depurativo grazie alle proprietà dell’ananas e del sedano. Mettete nella centrifuga due fette di ananas fresco due gambi di sedano e una mela.

Centrifugato di verdure verdi

Questo centrifugato vi darà energia e vi aiuterà a depurare il vostro organismo: usate un mazzo di spinaci baby, un cetriolo, due gambi di sedano e mezza mela verde. Centrifugato e terminate con l’aggiunta di succo di limone a piacere.

Ricette per frullati

Frullato alla banana

Unite una banana tagliata a tocchetti, un bicchiere di succo d’arancia appena spremuto, la polpa di un avocado ed un pizzico di zenzero in polvere nel frullatore ed azionatelo per pochi minuti fino ad ottenere la consistenza desiderata. Potete aggiungere anche il succo di mezzo limone.

Frullato alle mandorle e cocco

Vi ocorreranno: la polpa di una noce di cocco di media grandezza, 250 ml di latte di cocco o di latte di mandorle, una manciata di mandorle pelate lasciate in ammollo in acqua per una notte e quattro o cinque datteri denocciolate. Frullate il tutto versando poco alla volta il latte vegetale a seconda della densità che vorrete ottenere.

Frullato all’anguria

Frullate 400 gr. di polpa di anguria, una manciata di fragole ed un cucchiaio di succo di limone insieme ad un bicchiere d’acqua fresca. Alla bevanda potrete inoltre aggiungere abbondante ghiaccio tritato, per ottenere una granita tutta naturale.

Frullato ai mirtilli

Frullate 200 gr di mirtilli con una banana a fettine ed alcuni cubetti di ghiaccio, aggiungendo acqua quanto basta fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Spero l’articolo vi sia piaciuto, visto è stato tra gli argomenti più cliccati e votati tramite la story del mio profilo instagram @vale.2884 continuate a seguirmi, ogni lunedì nel mio profilo IG potrete votare nuovi argomenti per i prossimi articoli di vostro maggiore interesse. Un abbraccio a tutti e alla prossima. Valentina. P.s mi raccomando se vi è piaciuto l’articolo lasciate un like e un commento, vi leggerò tutti e vi risponderò in prima persona.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.