Eugenia Martino: voglia di sdrammatizzare

“L’alieno, il califfo e la bambina”. Come hai pensato di mettere questi soggetti insieme? Di cosa parli in questo album?
Sono personaggi di alcune canzoni presenti nell’album, sono loro i veri protagonisti di questo disco fatto di racconti, di piccole storie.

E invece di cosa tratti in “L’alieno”?
L’alieno è una canzone ironica che nasconde un messaggio profondo ovvero che si può amare anche nella diversità fisica.

Quale è il filo rosso che unisce le tue canzoni?
La voglia di sdrammatizzare qualsiasi sconfitta, qualsiasi buio.

Se la tua musica fosse un libro, un quadro o un film?
Se fosse un libro sarebbe un Decameron, una raccolta di tante storie. Se fosse un quadro sarebbe un Renoir qualcosa a metà tra La colazione dei canottieri e il ballo al Moulin de la Galette. Un film? Troppo difficile.



Categorie:interviste, Musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: