Gian Luca Campagna – Mediterraneo nero, Mursia

Un nuovo thriller targato Giungla Gialla con un protagonista d’eccezione: il mar Mediterraneo.

SINOSSI «Quando tutti mentono, dire la verità non è solo un atto di ribellione, diventa un’azione terroristica. Se lo ricordi.»
Indolente e sognatore, Francesco Cuccovillo è fuggito da Bari per abbracciare la carriera di giornalista a Roma. A distanza di vent’anni, gli amici d’infanzia gli chiedono di consegnare una misteriosa lattina sigillata a un ingegnere lombardo, specializzato durante gli anni Ottanta e Novanta negli autoaffondamenti di navi stipate di rifiuti tossici lungo le coste italiane e somale. Francesco darà la
caccia a questo fantomatico ingegnere inseguendo l’ultimo viaggio del cargo Quadrifoglio Rosso, lungo le rotte del Mediterraneo.
La sua ricerca si incrocia con le vicende disperate della rivoluzionaria còrsa Marie e del clandestino tunisino Khaled. Stretto nel suo caban, con un Garibaldi tra le labbra, fischiettando Oblivion di Astor Piazzolla, tra magistrati corrotti, fidanzate petulanti, criminali pentiti, lap dancer romantiche, politici ambigui e ambientalisti disillusi, nel nome della giustizia e del perdono, Francesco scoprirà quanto è sottile il confine tra verità e menzogna.

Quando il giornalista Francesco Cuccovillo viene che uno dei suoi amici d’infanzia è ricoverato in ospedale per un mesotelioma in fase terminale, la sua cambia drasticamente. La moglie dell’amico (e suo grande amore non corrisposto) gli chiede di consegnare una lattina sigillata a un certo ingegnere lombardo e, a partire da quel momento, davanti a Francesco si dispiega un mondo nascosto, fatto di inganni, menzogne e traffici illegali. Ma quello che il giornalista non immagina è
che il suo viaggio si intreccerà con quello di una killer còrsa, Marie, e con quella di un migrante tunisino, Khaled.
Con “Mediterraneo nero”, Gian Luca Campagna firma un thriller duro e dal forte impatto emotivo. Oltre alle tragiche storie dei tre protagonisti – Francesco, Marie e Khaled – anche le tematiche affrontate non possono fare a meno di lasciarci indifferenti: le problematiche delle ecomafie e dello smaltimento dei rifiuti tossici nelle acque del mar Mediterraneo sono infatti ancora tristemente attuali; ad esse vanno inoltre ad aggiungersi quelle legate all’immigrazione clandestina
e al traffico di esseri umani.

Un romanzo cupo e intenso, dunque, quello di Gian Luca Campagna, il quale cura in maniera magistrale ogni dettaglio della storia, catturando l’attenzione dei lettori fin dalle prime pagine. L’ottimo spessore psicologico dei personaggi, l’uso equilibrato dei cliffhanger e la prosa dal ritmo incalzante sono solo alcuni degli elementi chiave di “Mediterraneo nero”. Il romanzo non potrà fare a meno di entrarci nel cuore per la vividezza delle vicende riportate e per la schiettezza con cui l’autore denuncia problemi sociali e ambientali che fanno ancora parte del nostro quotidiano.

a cura di Caterina Franciosi

Gian Luca Campagna: Mediterraneo nero – Ugo Mursia Editore




Categorie:Gialli & Thriller, Libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: