Un weekend più “sprint” per restituire la F1 al pubblico

Rivoluzione in Formula 1, atto primo: in attesa del cambio di regolamento nel 2022, arriva l’ok ufficiale della commissione F1 per la Sprint Race del sabato. Si tratta di una mini-gara di 100 km, che stabilirà la griglia di partenza del Gran Premio della domenica e assegnerà da uno a tre punti ai primi tre piloti classificati.

L’accordo è stato raggiunto tra la F1, la Fia (Federazione Internazionale Automobilistica) e i dieci team del Circus, che hanno votato all’unanimità. Viene così riformato il programma del weekend: il venerdì ci sarà una prima sessione di prove libere da un’ora, a cui seguirà la sessione di qualifica – con il sistema attuale – per stabilire lo schieramento di partenza della Sprint Race; il sabato inizierà con una seconda sessione di libere – sempre da un’ora – seguita dalla Sprint Race; la domenica prevederà la gara classica.

Il debutto della nuova formula avverrà già in tre Gran Premi di questa stagione, precisamente in due sedi europee e una extra-europea; l’ipotesi è quella di avviare l’esperimento in tre circuiti storici come Silverstone (Gp della Gran Bretagna), Monza (Gp d’Italia) e Interlagos (Gp del Brasile). Questo cambio di format è dovuto alla necessità di restituire un senso agonistico alla giornata del venerdì, che dal 1996 prevede solamente due sessioni di prove libere e che ha visto una progressiva perdita di interesse del pubblico: fino a quell’anno la posizione in griglia veniva assegnata combinando il miglior tempo ottenuto tra le sessioni di venerdì e sabato.

L’obiettivo ora è tornare ad attrarre quel pubblico giovane che il Circus tanto fatica negli ultimi tempi a catturare: l’età media degli spettatori della Formula 1 è infatti molto elevata e rendere il weekend più accattivante già dal venerdì potrebbe abbassare l’età media degli appassionati. Se la Sprint Race avrà un seguito di successo, diverrà parte del regolamento nel 2022. Tuttavia, le critiche non mancano, perché le qualifiche rappresentano una tradizione storica della Formula 1, che vedrebbe a rischio il fondamentale valore della gara dal punto di vista iridato.



Categorie:Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: