BLACK SAILS

Black Sails è una serie TV americana ideata da Jonathan E. Steinberg e Robert Levine. Ha avuto una durata complessiva di quattro stagioni trasmesse dal 2014. La serie nasce come prequel del romanzo di Robert Louis Stevenson “L’isola del tesoro”.

TRAMA È ambientata a Nasau nelle Bahamas intorno al 1715, durante l’età d’oro della pirateria. Racconta la storia della Walrus e del suo equipaggio durante la ricerca del galeone spagnolo Urca de Lima, che trasporta un ricco bottino in oro della flotta delle Indie Occidentali. La Walrus capitanata da James Flint, uno spietato stratega pronto a tutto per affermare la propria supremazia sui mari non è la sola a bramare il bottino. Anche l’equipaggio della Ranger, capitanata dal terribile Charles Vane è disposto a tutto per quell’oro che sarà il punto focale di tutta la storia. Inizia così una grande avventura tra le onde, scontri violenti, uomini depravati e dai mille volti e subdole strategie per conquistare il tesoro e la libertà.

RECENSIONE

Black Sails, serie dominata da scontri navali e imperiose tempeste risulta piena zeppa di effetti visivi e sonori che sanciscono gli sforzi della produzione di creare una serie senza niente da invidiare ai colossal.

Ogni inquadratura regala panorami esotici mozzafiato ed esibiscono velieri e scene spettacolari. Uno degli show migliori che tratta l’ascesa e disfatta della pirateria, baluardo di libertà e indipendenza. È intrigo, complotti, attrazione, vendetta e storia romanzata dei pirati più famosi.

I personaggi sono tanti e tutti ben strutturati, ognuno con il suo carattere e le sue sfaccettature da apprezzare o temere. Ogni personaggio ha una sua storia e ognuno di loro sa come incassare, tendere trappole ed inganni. Tra quelli più in vista abbiamo John Silver, il pirata con una gamba sola, Billy nostromo della nave Walrus che però non si fida del capitano Flint. Da nominare c’è anche Jack Rackham abile stratega, ma pessimo combattente, Charles Vane, l’eroe romantico a cui io mi sono affezionata molto nel corso della storia.

 Il capitano Flint, si rivela per esempio una delle figure più complesse, affascinanti e sfuggenti delle serie tv, il quale lascia tutti di stucco con la rivelazione della propria omosessualità.

I temi trattati in questa serie tv sono tanti e di grande importanza: si parla di libertà, indipendenza, uguaglianza, omosessualità, voglia di riscatto e di una vita migliore, lotta contro i poteri forti, ma anche lealtà, diversità e complotti di ogni genere.

Si pensa che in un mondo fatto di pirati le donne siano escluse, ma non in questa versione. Qui esistono donne succubi, donne che lavorano a loschi affari dietro le quinte, ma troviamo anche donne forti che sanno dirigere i giochi, fare affari e tenere testa ai più temuti pirati! Sto parlando di Anne, una pirata donna molto bella dal sangue freddo, Eleanor Guthrie e Max, una prostituta molto seducente e abile a manipolare le persone.

BLACK SAILS, I PIRATI DEL CAPITANO FLINT • Period Drama News

Sicuramente non è una serie tv per tutti poichè sono presenti scene ricche di violenza, nudo, sesso, temi forti e questo non è di certo qualcosa adatto a bambini e persone sensibili. Adatta invece ad un pubblico adulto, forte e che non si lascia intimorire facilmente da scene cruente. Tra le scene più crude sicuramente ci sono: impiccagioni, mutilazioni, teste mozzate, torture di ogni genere.

Buona visione ciurma sperando che questa serie tv vi catturi!

Black Sails (2014) - la scheda della serie tv | cinemagay.it


Categorie:Serie TV

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: