Andrà tutto bene… anzi decisamente no.

#Andrà tutto bene… #Io resto a casa.. Nel 2020 erano gli inni che ogni giorno riecheggiavano tra le finestre aperte per il caldo, fuori dal normale, o li leggevamo sui muri, nelle rare volte che si riusciva a uscire.

Era marzo 2020 quando l’Italia si fermò a causa della pandemia e, nell’assenza, la gente riscoprì il vicino, l’amico, la famiglia, il canto, gli strumenti musicali anche improvvisati e il gioco tra un palazzo e l’altro. Abbiamo imparato parole come smart working (che nei paesi anglosassoni non ha lo stesso significato che gli abbiamo attribuito noi), DAD, dpcm o applicazioni come Zoom, StreamYard o Meet.

Andrà tutto bene (se ci facciamo sul serio qualche domanda) | Associazione  Per-Ankh

Si parlava di cambiamenti verso il prossimo, di amore e amicizia, di tolleranza ed eravamo tutti buoni e pazienti; il momento lo imponeva e tutti noi abbiamo abbassato la testa ai vari proclami e ci siamo adeguati.

A un anno di differenza quelle famose parole Andrà tutto bene… dove sono finite? In altri infiniti micro lockdown. A distanza di 12 mesi tutti i buoni propositi sono cambiati. Viene da chiedersi: “Dov’è tutto l’amore, la pazienza, l’educazione e la tolleranza di cui facevamo vanto?” Forse smarriti come tutte le promesse che sono state fatte e immancabilmente deluse.

Dobbiamo dare la colpa a qualcuno? Forse sì o forse no, magari dobbiamo incolpare solo noi stessi che a volte non seguiamo i consigli sul distanziamento e sugli assembramenti. Pare che dopo un anno non si riesca più ad ascoltare nessun consiglio istituzionale, nemmeno la propria coscienza.

Ora l’attesa è per questo benedetto vaccino e intanto si torna verso la chiusura preventiva e il pensiero va a quelle attività economiche, imprenditoriali che soffrono maggiormente e che, pare, il Governo faccia fatica ad aiutare. Viene da dire: siamo i soliti italiani.

E’ stato promesso tanto e poco si è visto; forse sarebbe meglio parlare di meno e agire di più o davvero l’Italia non uscirà, non dal covid, ma dal fango in cui è finita.



Categorie:Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: