ADELAIDE di Antonella Ferrari Ed. CASTELVECCHI

La voce narrante di tutta la storia è Adelaide Mayo, donna nobile, appartenente ad una delle più importanti casate di Chieti, che, attraverso suoi scritti ci racconta la sua vita e quella della sua famiglia, i suoi ideali e il suo impegno a sostegno della Carboneria e delle idee di un’Italia libera e unita, sulle orme di figure come Mazzini e Pellico.

TRAMA: Colonna portante della nobile famiglia Mayo, Adelaide vive nell’Ottocento con la mentalità e la spregiudicatezza di una donna di oggi. Libera di agire e di pensare come desidera, insieme a fratelli e amici aderisce alla Carboneria, gettandosi nella lotta politica. Nubile per scelta, vive godendo di tutti i privilegi che la sua posizione sociale le offre. Un intrigante intreccio di amori proibiti, di vizi e virtù, e di rivolte politiche sullo sfondo della provincia abruzzese di due secoli fa.

“Sono nata nel 1808, primogenita di sei figli. Tutti mi hanno sempre considerata il perno e il pilastro della famiglia. Sarà che non mi sono mai sposata, sono sempre stata a disposizione dei miei cari. Mi aggiro ancora in queste stanze che videro la mia giovinezza e il mio impegno politico…”

Uno spaccato storico del periodo Rinascimentale italiano, sullo sfondo della provincia abruzzese di due secoli fa.
Geniale e suggestiva l’idea dell’autrice di “unire” due epoche diverse e due donne simili per dar voce ai loro sentimenti, alle loro paure e alle loro vittorie.
L’incontro tra Giorgia, che vive ai giorni nostri, e lo “spirito” di Adelaide avviene per caso. Giorgia lavora come guida a palazzo Mayo divenuto sede del museo di arte contemporanea e al cui interno è custodita una ricca biblioteca.
Una sera, al termine del suo turno, uscendo da palazzo scorge, affacciata alla finestra una donna di età indefinita, con una camicetta bianca di pizzo e un cammeo rosa legato ad una massiccia catena d’oro.

Guarda fuori con sguardo malinconico come se fosse in attesa di qualcuno…
Chi è questa donna che non dovrebbe essere lì? Inizia così per Giorgia una ricerca tra gli archivi della famiglia Mayo custoditi al pianoterra del palazzo e tra i polverosi volumi si imbatte in una rara fotografia della famiglia al completo. Ed eccolo lì, il monile rosa sfoggiato al collo di una donna…. La donna affacciata alla finestra… ma vissuta 200 anni prima.

Un’agenda della Moleskine sarà il “tramite” del dialogo tra Adelaide e Giorgia. Una sorta di diario, un collegamento “sovrannaturale” tra le due donne, tra le due epoche; perché Adelaide ha un messaggio per Giorgia…
Scritto in modo semplice e quasi poetico, questo breve ma intenso romanzo, tra realtà e finzione narrativa, vi conquisterà con i suoi molteplici personaggi e le loro storie che l’autrice ha saputo descrivere in maniera egregia. Un ponte tra due mondi così diversi, in cui l’amore è sempre la chiave di tutto.

“… L’amore porta amore. In senso stretto, in senso lato. Chi ha goduto di sentimenti profondi, slanci appassionati, rimane in balia di quel benessere e, più o meno inconsapevolmente, mette amore in ogni gesto, spande sorrisi e buonumore intorno a sé, semina un raggio di sole nell’opacità della vita quotidiana…”

Adelaide di Antonella Ferrari – SEGNALAZIONE – Liberi Leggendo


Categorie:Libri, Storico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: