Napoli un mese dopo: la leggenda di Maradona diventata istituzione

Diego Armando Maradona occupa un posto speciale nel cuore dei napoletani. E a un mese dalla sua morte, il suo nome fa ormai parte della città partenopea a tutti gli effetti.

Dallo stadio alla stazione, dal museo alla piazza, passando per la statua: Napoli continua a rendere omaggio al campione argentino, incidendo il nome di Maradona nei monumenti e nelle strade della città. A cominciare dal giorno seguente alla sua morte, quando il comune ha annunciato di aver intrapreso l’iter per intitolare lo stadio San Paolo all’ex capitano del Napoli. Il 4 dicembre la delibera è stata approvata all’unanimità dalla Giunta, a cui è seguita l’autorizzazione del Prefetto.

Il sindaco Luigi De Magistris ha annunciato che anche una stazione metropolitana per recarsi allo stadio sarà intitolata al “Diez”. Si tratta della fermata Mostra d’Oltremare appartenente alla Linea 6 della tratta Riviera di Chiaia – Fuorigrotta, che entrerà in funzione a maggio 2021. All’interno della stazione – che sarà denominata Mostra-Maradona – l’amministrazione comunale ha intenzione di allestire una mostra dedicata dedicata al Pibe de Oro, destinata a diventare un luogo di perenne omaggio al numero 10 del Napoli in uno dei punti nodali della rete di trasporti della città.

E proprio in occasione della presentazione dei murales dedicati ai protagonisti della storia del Napoli, avvenuta lo scorso 5 dicembre nella stazione suddetta, il presiedente azzurro Aurelio De Laurentiis ha espresso al sindaco De Magistris la volontà di realizzare un museo virtuale del Napoli calcio e di Maradona: uno spazio di circa 5 mila metri quadrati all’interno dello stadio che possa permettere ai visitatori di scendere in campo con la leggenda argentina e gli altri calciatori. L’iniziativa è stata accolta dai rappresentati del comune e della società sportiva, alla quale proseguiranno sviluppi operativi nelle prossime settimane.

Nel frattempo, il comune di Napoli sta lavorando per intitolare a Diego anche una piazza. Si tratta di uno slargo situato nei Quartieri Spagnoli, in via Emanuele De Deo, davanti al murales del Pibe, diventato un sacrario dopo la sua scomparsa. Il progetto di riqualificazione dello slargo, condotto da una task force in collaborazione con la Municipalità e Napoli Servizi, è stato avviato con l’installazione di paletti volti a creare un percorso pedonale protetto.

Infine il comune era interessato alla commissione di una statua per omaggiare Maradona. A tal proposito, l’artista napoletano Domenico Sepe ne ha realizzata una di sua iniziativa, diffondendo le immagini attraverso i social: l’opera consiste in una scultura di bronzo alta 4 metri. L’intenzione è di donarla alla città, che dovrà quindi decidere dove collocarla.

Un amore che sarà scolpito in eterno nella città dove Maradona ha vinto due scudetti e altre coppe prestigiose, onorando per sette anni quella maglia del Napoli che da qualche settimana è stata disegnata in suo onore. In onore di quell’Argentina che Diego ha fatto salire sul tetto del mondo. Il tributo più giusto per il più forte di tutti.



Categorie:Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: