GIULIA LUZI: Siamo sempre noi i primi a doverci amare.

Abbiamo con noi Giulia Luzi, attrice, cantante e performer reduce dal grande successo di Mon Amour, col quale ha scalato le classifiche radiofoniche dell’estate 2020

Ciao, Giulia. Perché non ci racconti un po’ di te, del tuo passato e del cammino che hai intrapreso per approdare nel mondo dell’arte? È stato un percorso iniziato tanti anni fa! Ho la fortuna di avere un padre che si è accorto delle mie propensioni artistiche già quando ero piccolina. Ho iniziato, e ne vado davvero fiera perché ho imparato tanto, con il doppiaggio cantato di tanti meravigliosi film e serie Disney (l’ultima lavorazione in questo campo è stata “Over The Moon”, nuovo film d’animazione Netflix uscito il 23 ottobre, in cui presto la voce alla protagonista Fei Fei). Da lì in poi è stato un susseguirsi di esperienze importanti che hanno toccato un po’ tutti i campi del magico mondo dell’arte.

Trovi differenze nei tuoi ruoli di cantante e attrice? Come li affronti? Non mi sento ad oggi un’attrice, non sento che sia quello il mio punto forte. Sicuramente mi diverte recitare e cerco di essere naturale e senza sovrastrutture, così come nella musica, ma la mia passione più grande è sempre stata quella di cantare. 

Quali sono le esperienze più belle della tua carriera che porti nel cuore?  Ti dico le tre più belle in ordine di avvenimento: Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo, Tale e Quale Show e Sanremo. Diverse, ma accomunate da una condizione: non puoi sbagliare, deve essere buona la prima! Tutto ciò mi regala grande adrenalina, linfa per chi fa questo mestiere. 

Parlaci un po’ del tuo nuovo singolo, Prescindere da te. Cosa puoi svelarci rispetto alla sua creazione? Con “Prescindere da te” ho la possibilità di lanciare un messaggio secondo me importantissimo, soprattutto per la società di oggi e rivolto in particolar modo a tutto l’universo femminile: quello di essere coscienti del proprio valore personale a prescindere, appunto, dalla relazione di coppia.

Nel brano parlo di una donna forte, ferita, ma consapevole del suo posto nel mondo. È finita la sua storia d’amore ma non è lei a finire. Lei “È”, a prescindere da tutto.

Penso sia molto importante ricordarlo e dare una scossa a chi in questo momento ne avesse bisogno. Siamo sempre noi i primi a doverci amare. 

Progetti futuri? Porto avanti il mio progetto musicale, con tutte le difficoltà del momento relative proprio alla realizzazione concreta, sperando di poter pubblicare presto un Ep, che rappresenti al 100% quella che sono oggi. Ho voglia di raccontarmi attraverso la mia musica, sognando di tornare a calcare il palco più emozionante, quello dell’Ariston a Sanremo.



Categorie:interviste, Musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: