“Tre passi dietro” di Giada Obelisco

Benzina in riserva per l’autrice genovese, al terzo capitolo della saga Megane Bennet – Robert Jordan? Niente affatto, perché Tre passi dietro si rivela il più bello in assoluto all’interno della terna. Giada Obelisco cucina il lettore a fuoco lento, lasciandolo in balia di un’esperienza sensoriale all’ennesima potenza.

Sinossi: Robert Jordan, ex agente dell’NSA e capo della polizia di Portland, ha perso la moglie Megan sedici mesi prima in un’esplosione.
Proprio mentre sta cercando di superare il dolore, una serie di circostanze lo mette sulle tracce di Sarah Thompson, una ladra di gioielli che sembra avere qualcosa a che fare con il passato di Megan e forse con la sua morte.
Questo riaccenderà l’ossessione di Robert e lo porterà a inseguire Sarah tra Andalucia e Lisbona, fino ad arrivare a una verità insospettata che rimetterà in gioco tutta la sua vita. Chi è Sarah? Quali segreti nasconde?


“Tre passi dietro” è la storia di un amore che va oltre lo spazio e il tempo, che va oltre ciò che è visibile agli occhi.
È una fuga attraverso l’Europa, una caccia, un diamante, un mistero da svelare tassello dopo tassello.
È un paio di Converse rosa e un profumo rimasto nei cassetti, sulla pelle.
È dolore, adrenalina, passione.
È una doccia ghiacciata e un fuoco che brucia tutto ciò che incontra.

“Ovunque andrai io ci sarò sempre, tre passi dietro te.”

Passaggi spazio-temporali in rapida successione, cambi di Pov, profumi, odori, sensazioni. Lo fa senza perdere di vista l’obiettivo principale, legato alla narrazione: una trama complessa, a cerchi concentrici, che si chiude dopo quattrocento pagine in maniera del tutto inattesa.

Ritroviamo l’ex modella Page sposare Robert, rimasto vedovo di Meg, l’amore della sua vita. Tutto regolare, tutto tranquillo, sofferenza iniziale del capo della polizia di Portland a parte? Macché…I Bennet, invece di pensare a sviluppare il loro impero nel settore della grande distribuzione (almeno noi in Italia li conosciamo per questo), coinvolgono nei loro oscuri traffici anche l’inerme Liz, sorella minore di Megane. Quando hai l’istinto del buon samaritano e sei stato un ex spione ai vertici dell’Nsa, però, vuoi vederci chiaro, perché qualcosa non ti torna. Robert rischia di mettere a repentaglio i ritrovati equilibri nella sfera familiare per immergersi in una nuova indagine, pericolosa e dall’esito incerto. Jet set, ambienti da sogno e ristoranti stellati a fare da contorno a questa mission impossible. Oltre all’apparenza, sviluppata mirabilmente nel tema dello specchio, c’è anche tanta sostanza.  

Giudizio: 5/5



Categorie:Libri, Narrativa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: