LA SPELONCA DELLE STALATTITI DI JACOPO MARTINELLO

Il giovane Jacopo Martinello ci propone nel suo esordio letterario edito Ciesse Edizioni un fanstasy che si tinge di giallo.

SINOSSI: Bratislanda non è soltanto un originale parco giochi a tema fantasy. Bratislanda è un mondo parallelo e chi vi abita ne fa parte in tutto e per tutto, con grande soddisfazione del suo creatore. Tutto bene, dunque, fin quando qualcuno non commette un omicidio.

La vittima è un’Umanite e l’incarico di investigare viene affidato ad Andrea Perin, un brillante giovane in cerca di un lavoretto estivo. Varcato il confine, Andrea, ora scaldo apprendista, è pronto a immergersi in quell’universo parallelo in cui tutto è animato, dalla Radura dei Comodini, al vulcano Monte Mamma e alla Spelonca delle Stalattiti. Non sarà facile per il detective per caso catturare l’assassino, in compenso il soggiorno sarà istruttivo e divertente.

«Se loro vogliono il drago, noi gli diamo il drago e se le chiedono “E quello cos’è?” lei gli risponde “È uno stramaledettissimo drago!” Questo è solo un esempio, ovvio, Bratislanda è un mondo nuovo e originale, non ci troverà niente di banale e inflazionato come un drago o un elfo. Il punto è che non importa cosa vogliano, cosa trovino e cosa si aspettino di vedere. Lei dovrà integrarsi e comportarsi come se tuttoquanto fosse vero» sbuffò appena.

Già dopo poche pagine il lettore viene letteralmente risucchiato nel mondo fantastico di Bratislanda che viene sconvolto da un delitto. Il protagonista Andrea Perin, assunto come stagista, si ritrova nell’improbabile ruolo di investigatore. Muovere i primi passi in questo mondo parallelo non sembra affatto semplice, ma la perspicacia e l’ironia che caratterizzano il protagonista lo aiuteranno a compiere la sua missione e a vivere questa intensa avventura.

Ciò che più colpisce di questo romanzo è senz’altro l’ambientazione surreale, popolata di fenomeni onirici, di particolari creature e governata da leggi al di fuori della logica comune. L’autore conduce abilmente chi legge in questo mondo che riesce in qualche modo a rendere familiare, normale una volta che si è stati assorbiti tra le pagine. Lo stile ricalca quello della fortunata serie Guida Galattica per Autostoppisti mantenendo comunque la sua originalità e le sue peculiarità. Una menzione speciale va sicuramente alla fantasia con cui è stato creato un vocabolario ad hoc di termini atti a descrivere cose/persone/mestieri che non trovano riscontro nella nostra realtà.

L’indagine condotta nel romanzo ha il suo epilogo finale in un capitolo in puro stile Agatha Christie, dove niente è come sembra e tutti sono potenzialmente colpevoli. Una piacevolissima lettura che allieterà sicuramente gli amanti del genere, piena di humor e di situazioni sui generis. Vi invito a calarvi nella tana del Bianconiglio con Jacopo Martinello, farete fatica a lasciarvi alle spalle il fantastico mondo del Priorato di Bratislanda.

Dati:

Genere: Fantasy/Giallo

Pagine: 396

Edito: Ciesse Edizioni

Link



Categorie:Gialli & Thriller, Libri, Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: