DALLE PAROLE SENZA TEMPO DI CHARLIE CHAPLIN AI GIORNI NOSTRI: “FRATELLI D’ITALIA”

Dopo il successo del suo primo omonimo singolo – che vanta quasi 1 milione di streams su Spotify – e della moderna poesia in musica “Una canzone per te”, Urano torna “Fratelli d’Italia” (Cosmophonix Production).

Ascolta su Spotify.

Una cruda denuncia verso uno Stato distante, lontano dalla quotidianità del Suo popolo, un popolo che, già in ginocchio prima dell’emergenza sanitaria, si ritrova oggi a dover fare i conti con aiuti che tardano a giungere e promesse non mantenute.

Il brano, scritto dallo stesso artista e postato inizialmente sui Social come uno sfogo, senza avere in programma la distribuzione sulle piattaforme digitali, ha raccolto tantissimi feedback positivi, visualizzazioni e condivisioni, diventando virale su TikTok e diffondendosi in maniera capillare sui profili e nelle stories di utenti appartenenti a fasce d’età eterogenee, anche molto distanti tra loro.

«Sembri la Mafia che in silenzio uccide; tu che ci aiuti? Non ti si addice!
Come puoi chiederci di essere onesti?
Quando prometti ma poi non aiuti, siamo italiani, figli delusi.

(…)
Non sono di Destra e né di Sinistra, sono un cittadino, io sono realista.

Sono per la gente, il barista, il dottore e l’agente.
Per quelli che non hanno niente, che si alzano ogni mattina
per portare il pane alla propria bambina che sogna di essere una ballerina»

“Fratelli d’Italia”, che inizia e si conclude con una tra le più celebri e profonde citazioni di Charlie Chaplin contenuta nel film “il Grande Dittatore”, con la quale l’immenso Artista britannico invita il popolo a non mollare, a non arrendersi a uomini-macchina privi di cuore, non vuol essere manifesto di o contro una specifica posizione politica, piuttosto, punta ad essere l’urlo di una popolazione in difficoltà, il grido dei nostri giovani che non vedono all’orizzonte un futuro semplice, ma disseminato di incertezze, timori e difficoltà.

Punto centrale del brano è la dignità, quel rispetto verso se stessi, verso il proprio valore in quanto essere umani a cui ciascuno di noi ha diritto, tenendo sempre presente che nessuno è una macchina, ma che siamo tutti uomini, uomini che senza dignità smarriscono la strada e, frustrati e delusi, si perdono.



Categorie:Musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: