Ballata dell’Usignolo e del Serpente – Suzanne Collins

Ballata dell’Usignolo e del Serpente (19 Maggio) è un romanzo prequel appartenente alla serie Hunger Games, scritta da Suzanne Collins edita da Mondadori per la collana Fantastica. La trilogia iniziale è composta da Hunger Games (2009), La Ragazza di Fuoco (2010) e Il Canto della Rivolta (2012).
“E’ la mattina della mietitura che inaugura la decima edizione degli Hunger Games. A Capitol City, il diciottenne Coriolanus Snow si sta preparando con cura: è stato chiamato a partecipare ai Giochi in qualità di mentore e sa bene che questa potrebbe essere la sua unica possibilità di accedere alla gloria. La casata degli Snow, un tempo potente, sta attraversando la sua ora più buia. Il destino del buon nome degli Snow è nelle mani di Coriolanus: l’unica, esile, possibilità di riportarlo all’antico splendore risiede nella capacità del ragazzo di essere più affascinante, più persuasivo e più astuto dei suoi avversari e di condurre così il suo tributo alla vittoria. Sulla carta, però, tutto è contro di lui: non solo gli è stato assegnato il distretto più debole, il 12, ma in sorte gli è toccata la femmina della coppia di tributi. I destini dei due giovani, a questo punto, sono intrecciati in modo indissolubile. D’ora in avanti, ogni scelta di Coriolanus influenzerà inevitabilmente i possibili successi o insuccessi della ragazza. Dentro l’arena avrà luogo un duello all’ultimo sangue, ma fuori dall’arena Coriolanus inizierà a provare qualcosa per il suo tributo e sarà costretto a scegliere tra la necessità di seguire le regole e il desiderio di sopravvivere, costi quel che costi”.
“L’ambizione lo alimenterà. La competizione lo guiderà. Ma il potere ha un suo prezzo”.  

In quanto anteprima mondiale non mi sento di dire molto di più rispetto alla trama, è
decisamente esaustiva e accattivante così com’è. Anche perché vorrei evitare spoiler e il
linciaggio generale. Preparatevi a leggere questo libro in una tirata unica, non riuscirete a posarlo. Lo stile dell’autrice lo conosciamo assolutamente tutti, una visione globale dei
personaggi anche dal punto di vista psicologico che come per i precedenti romanzi vengono descritti in modo eccezionale. Conosceremo un diverso Coriolanus Snow, non come cattivo della storia, ma da un punto di vista più eroico; i suoi ricordi, il suo vissuto e le scelte che lo hanno condotto a trasformarsi nel “presidente” che conosciamo. Successivamente nuovi personaggi, tra i più interessanti; i sofisticati componenti della famiglia Snow, il capo degli strateghi, inventore dello show/giochi, svariati mentori appartenenti ad altri distretti e ovviamente la ragazza del distretto 12, Lucy Gray un membro addetto all’intrattenimento musicale.
Il Worldbuilding non ha granché spazio, anche se ci viene fornito qualche dettaglio in più su Panem, l’università “forgia” strateghi e il distretto 13, più ovviamente qualche saltuario episodio all’interno di altri distretti. Intrighi, lotte, tradimenti, sotterfugi e macchinamenti non possono mancare.
Ah dimenticavo…. L’Arena e……. il Canto!
Il mondo di Hunger Games è stato realizzato così sorprendentemente che i lettori sono stati lasciati alla disperata ricerca di ulteriori informazioni sui “Giorni Bui” che seguirono la fallita ribellione di Panem per anni. Ora, quei tempi cruciali sono stati trasformati in un nuovo avvincente romanzo che mescola le cose che abbiamo amato nella trilogia originale e nuovi avvincenti elementi che lo rendono un thriller Fantasy potente e mozzafiato. Assolutamente imperdibile. Molti si sono ritenuti delusi dalla scelta dell’autrice nel dedicare il romanzo al giovane Coriolanus Snow, decisamente il personaggio più odiato nella serie Hunger Games e vederlo ora sotto una luce più eroica.
Personalmente sono rimasto piacevolmente soddisfatto, questo romanzo da molte spiegazioni e “contenuti extra” sulla trilogia originale.
Mi sentite urlare?!
Informazione che non metto mai nelle recensioni, tempo di lettura 67 ore circa per 480 pagine. Gli EpicFantasy forgiano! Livello lettore AVANZATO. Leggetelo.
Come sempre, ma mai in modo banale, ringrazio Mondadori per aver portato da noi
contemporaneamente con l’uscita mondiale questo romanzo. La copertina identica all’originale, strepitosa, già di per sè fa un lavoro straordinario nel catturare il conflitto, sia interno che
esterno, trovato nel cuore di Ballata dell’Usignolo e del Serpente.
Un edizione curata nel minimo dettaglio, sia internamente coi suoi diversi caratteri, sia
esternamente con la bellissima copertina rigida. 
HUNGER GAMES - Ballata dell'usignolo e del serpente - Suzanne ...


Categorie:Fantasy, Manga & Co, Libri, Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: