Primavera = Allergia e starnuti

È arrivata la primavera con il risveglio della natura e un clima mite che invoglia a uscire di casa, e adesso che  finalmente si può anche tornare a camminare all’aria aperta, ci mancava solo… Starnutire!
Ebbene sì, perché con l’arrivo della bella stagione inizia anche una fase meno piacevole: quella delle allergie. Si stima infatti che circa 15 milioni di persone nel mondo ne soffrano ogni anno, dato che è in continuo aumento.
Rinite allergica, tosse, lacrimazione e congiuntivite, prurito oro-nasale e un insieme di sintomi che prendono le vie respiratorie, sono causati dalla fioritura di molti vegetali che si susseguono dall’inizio della primavera fino a ottobre; alcuni di questi sono le graminacee, la betulla e il nocciolo, ma anche il faggio, il salice, la quercia e l’olmo.
Ma da cosa è causata esattamente l’allergia?
Quando i pollini presenti nell’aria vengono a contatto con il nostro sistema immunitario, questo reagisce in maniera “esagerata” producendo anticorpi, i  quali creano una reazione con l’allergene respirato, liberando dei mediatori, come l’istamina, responsabili dei fastidiosi sintomi.
Un altro fattore di rischio è la predisposizione famigliare; i figli di genitori allergici hanno un rischio maggiore di sviluppare allergie, che possono manifestarsi in un qualunque momento della vita, e possono essere transitorie o permanenti, ma anche una esposizione prolungata a sostanze allergizzanti può causare l’insorgere dei sintomi.
Tuttavia i sintomi, anche se si manifestano in maniera lieve, non sono assolutamente da sottovalutare, soprattutto il raffreddore da fieno, onde evitare che diventi un disturbo cronico causando danni più gravi.

Allergie in generale
Come fare per alleviare questi fastidiosi sintomi?
Uno dei rimedi più veloci sono  gli antistaminici o decongestionanti. I primi aiutano a ridurre la produzione di istamina, i secondi con lavaggi nasali e spray limitano la vasodilatazione delle mucosa e la produzione di muco.
Tisane, infusi e tè verde possono essere considerati  rimedi naturali, le piante come la perilla  e la boswellia hanno proprietà antinfiammatorie, mentre la radice di liquirizia può essere un valido fluidificante, utile per il rossore oculare la camomilla.
Preziosi  possono dimostrarsi anche gli oli essenziali, qualche goccia di menta piperita o eucalipto in una lampada profumata renderanno più gradevole la casa e la respirazione.
Per evitare spiacevoli apnee notturne, la soluzione migliore sarebbe di fare la doccia tutte le sere lavando con cura i capelli, in modo da sciacquare via tutti i residui di polline evitando cosi di depositarli sul cuscino e quindi inalarli.
Un’ultima accortezza può essere quella di svolgere le attività sportive all’aperto la mattina molto presto o la sera, e cioè quando la concentrazione di pollini presenti nell’aria è minore.



Categorie:Benessere, Senza categoria

Tag:

1 reply

  1. Io sono una del club degli allergici 😂😂 ciaoooo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: