Inquisizione Michelangelo, Matteo Strukul

Devo dire che ho adorato questo libro, sia per la storia che per lo stile. L’epoca in cui si svolge il tutto è la metà del XVI secolo ossia pieno Rinascimento, epoca dei più grandi artisti.

TRAMA: Roma, metà XVI secolo. Michelangelo Buonarroti, ormai avanti con l’età, è ancora alle prese con la realizzazione della tomba del defunto papa Giulio II, di cui scolpisce il Mosè; è amico della marchesa di Pescara, Vittoria Colonna la quale lo farà entrare in un circolo di conoscenze legato alla nascente chiesa protestante. E il Cardinale Gian Pietro Carafa, nemico dell’artista, grazie ai servigi di Imperia, una cortigiana che è riuscita a diventare un’importante imprenditrice romana, lo farà pedinare nella speranza di farlo cadere in disgrazia

Strukul ci descrive il Buonarroti come ci dicono le fonti: facile all’ira, forte, testardo ma anche amoroso, dolce e generoso verso le persone che ama e difende a spada tratta la sua arte e le sue idee, nonché quella che è per lui la vera Chiesa, ossia quella priva di corruzione e promotrice delle dottrine cristiane primordiali basate sull’amore verso il prossimo e verso Dio.

Come ambientazione storica, siamo in piena riforma luterana che produsse una vera e propria spaccatura nel mondo ecclesiastico rappresentata, nel romanzo così come nella realtà storica, dal cardinale inglese Reginald Pole, che andrà a creare l’Ecclesia Viterbiensis, e il cardinale Gian Pietro Carafa, futuro papa Paolo IV, il quale è anche prefetto della Congregazione del Santo Uffizio.

La trama è ben strutturata, tiene il lettore incollato fino all’ultima pagina, mentre il linguaggio è molto fluido ma arricchito con qualche vocabolo che almeno io personalmente non avevo mai sentito, dando quindi quel tocco raffinato alla lingua, proprio come lo era il Rinascimento, ossia un’epoca raffinata e ricca di cultura.

I personaggi che ho trovato molto interessanti, protagonista a parte, sono Vittorio Corsini e Malasorte, due personaggi fittizi, rispettivamente Capitano degli birri e una giovane ladra che lavora per Imperia, la cortigiana anch’essa personaggio fittizio. Corsini è un uomo dedito al dovere, rispetta e serve con onore Carafa e la Chiesa e non si lascia influenzare dai sentimenti; Malasorte, invece, è una giovane donna che ha dovuto imparare a cavarsela da sola sin da bambina ma che è riuscita ad avere un tetto sulla testa grazie a Imperia, e per un certo periodo sarà accompagnata da Ringhio, il molosso salvato da un padrone violento.

L’amore tra Corsini e Malasorte sarà un vero e proprio climax in quanto andrà a cambiare i personaggi, compreso Michelangelo per il quale sarà un altro tassello alla sofferenza interiore.

In concluse, molto interessante è anche la Nota dell’autore dove lo stesso Strukul ci racconta gli studi compiuti per la stesura del romanzo ma dà anche qualche suggerimento di lettura inerenti non solo a Michelangelo ma anche sulla Riforma Protestante, sul Santo Uffizio e sulla vita quotidiana del Rinascimento.

Confesso che questo è il primo romanzo dello Strukul che leggo e la mia prossima lettura che farò di lui sarà la famosa tetralogia dedicata alla famiglia Medici… chi non ha imparato a conoscerla tramite la fiction Rai?! Intanto, consiglio questo romanzo storico non solo a chi è appassionato di Rinascimento, di Michelangelo ma anche a chi non dispiace il genere un po’ thriller e misterioso.

 

a cura di Amando Libri

Inquisizione Michelangelo - Newton Compton Editori

 

Genere: Storico

Casa editrice: eNewton Narrativa

Pagine: 384

Link

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.