ELISA ARMESTO:Nel mio romanzo, Elisa è presente al 100%

Carissimi lettori per lo spazio dedicato alle interviste con autori e autrici ho avuto il piacere e l’onore di intervistare per voi la dolcissima ELISA ARMESTO, autrice emergente, che per la Casa Editrice BookaBook ha pubblicato lo scorso anno il suo romanzo d’esordio QUARANTUNO PIÙ SEI.

“Una somma senza un risultato numerico, di sentimenti contrastanti, di lotte non sempre vinte…” Cosi Elisa definisce il suo romanzo che ho letto e amato profondamente e che, sono sicura, vi emozionerà tantissimo.

Nata a Torino nel 1986, diplomata in lingue e laureata in “Scienze della Mediazione” all’Università di Torino, nel 2008, lascia l’Italia alla volta dell’Europa. Vive in Spagna, Inghilterra, Belgio e trascorre anche molto tempo in Francia e in Germania per lavoro, un lavoro che l’appassiona ma che la obbliga a stare sempre in movimento e con la valigia pronta.
Diretta, ironica, sentimentale, così come i protagonisti del suo libro è pronta a farvi viaggiare con il cuore, la mente e la fantasia nel suo mondo.

Ma conosciamola un po meglio.
Benvenuta Elisa, parliamo un po di te

– Quando hai iniziato a scrivere?
Bella domanda! I primi ricordi che ho, risalgono all’infanzia, quando inventavo piccole storie accompagnate da disegni dalla natura improbabile, divertendomi poi a piegare le pagine in modo tale da creare piccoli libri “casalinghi” che poi distribuivo tra amici, vicini di casa e compagnetti di scuola.

– Che sensazione hai provato quando hai scritto la parola FINE al tuo libro?
Ho scritto il mio primo romanzo durante una calda estate tra i pianti di mia figlia e il calore notturno asfissiante. Le parole si susseguivano senza sosta e quando ho scritto quell’ultima parola, concludendo una storia intensa e a me molto cara, mi sono emozionata. Il giorno dopo, mi sentivo strana. Mi mancavano Giacomo e Irene, la loro storia d’amore, i sentimenti che avevo provato “creandoli”. Ma, allo stesso tempo, ero anche molto felice. La storia era finita, pronta per essere letta e per raggiungere tanti cuori.

20200213_224623

– Qual è il primo romanzo che hai letto e qual è il tuo “libro del cuore”?
Domanda interessante. I libri fanno parte della mia vita da sempre. Ricordo mio padre, seduto accanto al letto, che mi leggeva le favole per farmi addormentare. Era il mio momento preferito della giornata, chiudevo gli occhi e iniziavo a sognare perdendomi nella voce di quell’uomo che tanto amo.
Per quanto riguarda il libro del cuore, non credo di averne uno. Però, ho una scrittrice che amo e ammiro e di cui ho letto tutto: Margaret Mazzantini. Una musa, un mito, una scrittrice con i fiocchi.

– Scopriamo qualcosa in più di te..
Dicci 3 pregi e 3 difetti.
Iniziamo subito con i difetti! Sono molto, troppo, impulsiva. Reagisco d’istinto e, puntualmente, me ne pento. Devo dire, che con gli anni, sto migliorando però la strada è ancora lunga! Secondo difetto: mi arrabbio facilmente, soprattutto con me stessa, perché non sopporto essere presa in giro da nessuno. Per cui, mi arrabbio con me stessa quando do fiducia a chi non se lo merita e con gli altri, quando mi “tradiscono”. Ultimo, ma non per importanza, sono disordinatissima. È molto difficile che attorno a me regni l’ordine, anche se ci metto tutta la mia buona volontà affinché ciò avvenga!
Per quanto riguarda i pregi, d’istinto direi: solare, positiva ed energica. Quasi impossibile vedermi senza il sorriso!

– 41+6 è il titolo del tuo romanzo… 9 lunghissimi mesi di attesa… per cosa?
Ce ne vuoi parlare?
Nove lunghissimi ma meravigliosi mesi di attesa prima di avere tra le braccia la mia adorata bimba. La decisione del titolo è dovuta al motivo per cui l’ho scritto: ho voluto fare un regalo a mia figlia, un regalo dal valore affettivo infinito, una storia che spero in un futuro leggerà. La più bella storia d’amore.

– È passato quasi 1 anno dalla pubblicazione del tuo romanzo quindi la domanda è d’obbligo… novità per noi lettori?
Quarantuno più sei è stato solo l’inizio! Al momento, ho un secondo romanzo “fatto e finito”, un altro in fase di stesura e un libro per bambini in cerca di “casa”. Spero di poter comunicare a breve tante belle novità!

– Nel tuo romanzo affronti temi dolcissimi quali la maternità, l’amore incondizionato di una mamma e di un papà per la loro bimba, ma affronti anche temi molto delicati come la malattia e la perdita di una persona cara. Quanto c’è di Elisa in quelle pagine?
Nel mio romanzo, Elisa è presente al 100%. Il modo di fare di Irene, il suo amore infinito verso il papà, la meravigliosa storia d’amore con Giacomo, la gravidanza ma anche i momenti duri, il lutto, la malattia e lo sconforto. Però, non è un’autobiografia. Ciò che accade ai protagonisti, non è successo a me. Ma, i sentimenti, le emozioni, le avventure e la grande battaglia quotidiana, sono miei. Tutti miei.

Grazie Elisa per il tempo che ci hai dedicato e in bocca al lupo per tutto!



Categorie:Autori, Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: