Donne che ti cambiano la vita: Doris Lessing

“Pensa in modo sbagliato se vuoi, ma in ogni caso pensa con la tua testa”

Immagine-112-635x412

Dico sempre che mi sono sposata nonostante abbia passato l’adolescenza a leggere i libri di Doris Lessing.

Libri che dissacravano il matrimonio in ogni modo possibile, e di certo demolivano la figura maschile.

Tuttavia, non solo mi sono sposata, ma pare che mi sia andata anche parecchio bene.  Questo è sicuramente dovuto al fatto che, traendo insegnamenti dai libri (della stessa Lessing, passando per Ibsen e Simone de Beauvoir), ho capito che non può esistere un rapporto d’amore felice se non tra due persone di pari livello e di pari indipendenza.

Se non stai bene con te stessa, non solo è inutile, ma è certamente dannoso cercare di trovare quello che ti manca in un’altra persona.

storia

Mi ha insegnato tanto Doris, non solo sull’amore.

Tra una tazza di tè “rimedio per ogni male”, le descrizioni mozzafiato e malinconiche del Sud dell’Africa nel periodo coloniale e le lucide opinioni politico sociali. Ai miei occhi di lettrice si è aperto un mondo sui meandri più reconditi dell’animo umano, attraverso uno stile pungente, sottile e melodioso. In pratica inarrivabile.

“L’erba canta” il suo primo romanzo è uno spaccato di solitudine che colpisce al cuore. E poi “Martha Quest”, “Un matrimonio perbene”, “Amare ancora” e il terrificante romanzo “Il quinto figlio” (che oltre a dissuadere da propositi matrimoniali annulla qualsiasi proposito procreativo). Titoli che hanno scandito la mia “educazione sentimentale”.

Ma chi era Doris Lessing?

“Doris May Lessing, nata Tayler (Kemanshah, 22 ottobre 1919–Londra, 17 novembre 2013) Ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 2007, con la seguente motivazione: cantrice dell’esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa.”

Doris era una donna profondamente indipendente, nonostante i due matrimoni e i tre figli. Amava i gatti e amava la solitudine. Possedeva una mente straordinariamente brillante e un incredibile talento letterario che gli è valso il premio Nobel.

Tutte le ragazze oggi dovrebbero leggere i suoi romanzi, per trovare il giusto compromesso tra femminismo e fodere di prosciutto sugli occhi.

“Quello che le femministe vogliono da me è qualcosa che loro non hanno preso in considerazione perché proviene dalla religione. Vogliono che sia loro testimone. Quello che veramente vorrebbero che io dicessi è “Sorelle, starò al vostro fianco nella lotta per il giorno in cui quegli uomini bestiali non ci saranno più”. Veramente vogliono che si facciano affermazioni tanto semplificate sugli uomini e sulle donne? In effetti, lo vogliono davvero. Sono arrivata con grande rammarico a questa conclusione.”

Perché se è vero che il principe azzurro non esiste, scandagliando attraverso le pagine dei libri di Doris tutti i disagi matrimoniali e le miserie maschili. Si può trovare un giusto compromesso e, soprattutto, riconoscere un fallito e rispedirlo dalla mamma.



Categorie:Autori, Girl power, Libri, NoiDonne

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: