RACCONTI MACABRI Edgard Allan Poe Edizione Illustrata da Benjamin Lacombe

~ Edgar Allan Poe  (Boston,1809 – Baltimora ottobre 1849) è noto in tutto il mondo sopratutto come  scrittore e poeta (e molto altro ancora). Universalmente considerato uno dei più grandi e influenti scrittori statunitensi della storia. Poe è stato l’iniziatore del racconto poliziesco, della letteratura dell’orrore e del giallo psicologico.

~ Benjamin Lacombe (Parigi 1982) illustratore francese di fama mondiale. Ha lavorato nel mondo dell’animazione, dimostrandosi artista eclettico e in grado di misurarsi con diverse forme di arte. Ha una predilezione per le illustrazioni ispirate al mondo delle fiabe e dei racconti per bambini e ragazzi ma il suo estro lo spinge anche a lavorare classici della letteratura.

Questo prezioso albo racchiude otto racconti tra i più conosciuti tra la vasta produzione di Poe. Essendo racconti Horror pensati e scritti nella prima metà del XIX secolo sono più che altro tetri e ansiogeni più che veri e propri racconti dell’orrore così come siamo abituati in tempi più moderni, ma nonostante ciò procurano nel lettore le giuste sensazioni.

Ad arricchire ulteriormente questo libro, troviamo un testo sulla vita e le opere Poe scritto da Charles Baudelaire che fu il primo in Francia a tradurre i suoi racconti.
Per quanto riguarda le illustrazioni di Lacombe a mio avviso sono straordinarie, colore e stile rispecchiano l’aspetto tetro e macabro dello stile dello scrittore, fondamentale lo stile gotico prevale anche nelle piccole illustrazioni tra un paragrafo e l’altro.

<< 𝑷𝒆𝒏𝒔𝒊𝒆𝒓𝒊 𝒎𝒂𝒍𝒗𝒂𝒈𝒊 𝒅𝒊𝒗𝒆𝒏𝒏𝒆𝒓𝒐 𝒊 𝒎𝒊𝒆𝒊 𝒔𝒐𝒍𝒊 𝒄𝒐𝒎𝒑𝒂𝒈𝒏𝒊, 𝒆𝒅 𝒆𝒓𝒂𝒏𝒐 𝒊 𝒑𝒊𝒖’ 𝒕𝒆𝒕𝒓𝒊, 𝒊 𝒑𝒊𝒖’ 𝒎𝒂𝒍𝒗𝒂𝒈𝒊 𝒅𝒆𝒊 𝒑𝒆𝒏𝒔𝒊𝒆𝒓𝒊>> 𝑰𝒍 𝒈𝒂𝒕𝒕𝒐 𝒏𝒆𝒓𝒐

𝕋𝕖𝕞𝕚 𝕗𝕠𝕟𝕕𝕒𝕞𝕖𝕟𝕥𝕒𝕝𝕚
Diversi sono i temi ripetuti spesso nelle opere di Poe, e soprattutto in quasi tutti i racconti di questa raccolta. Tra i principali troviamo quindi:
-La morte di una bella donna nel fiore degli anni (vedi anche Ligeia, Morella, Il ritratto ovale).
-L’esser sepolti vivi (Il crollo della casa degli Usher, Il cuore rivelatore).
-Una qualche forma di malattia psicologica (tema presente quasi in tutti i racconti )
-L’io narrante è senza nome

ℝ𝔼ℂ𝔼ℕ𝕊𝕀𝕆ℕ𝔼 𝔼𝔻𝕀ℤ𝕀𝕆ℕ𝔼
5/5 ⭐⭐⭐⭐⭐
9788817096867_0_0_534_75
Dati:
Genere: Fantasy
Edito: Rizzoli
Pagine: 202

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.