Martina Ingallinera: ho scritto la storia che avrei voluto leggere

Ecco con noi Martina Ingallinera, autrice della trilogia Underground Love. Martina, attraverso le sue parole è riuscita a conquistare milioni di lettori sulla piattaforma Wattpad, dopo il successo dei Wattys è sbarcata in libreria e, con lei, anche i suoi personaggi. Ma conosciamo meglio quest’autrice dai tratti romantici.

“Henry, ti prego. Resta!”

“Non me ne sono mai andato”.

Da cosa nasce la tua passione per la scrittura e, cosa ti ha spinto portare le tue storie su carta?

La mia passione nasce un giorno d’estate di quindici anni fa ormai. Ero piccola, amavo leggere, ma ero molto arrabbiata perché nessuno si decideva a scrivere la storia che avrei voluto leggere, così decisi di scrivermela da sola. Fu così che nacque la mia prima opera, un fantasy di cui tuttora sono molto gelosa e che prima o poi vedrà la luce. Come tutte le passioni però, c’è stato un momento di pausa, fino a quando quattro anni fa ho scoperto Wattpad per la prima volta ed è stato subito amore a prima vista. Ho iniziato a scrivere di getto e mano a mano che andavo avanti aumentavano anche i lettori e l’interazione con loro. Poi è arrivata la vittoria dei Wattys, il premio annuale che Wattpad assegna alle opere migliori sulla piattaforma, e con esso anche la proposta di pubblicazione. Sono stata molto combattuta inizialmente perché sapevo che questo avrebbe comportato la rimozione del romanzo dalla piattaforma con la conseguenza di perdere anche il contatto con i lettori, ma sono sempre stata tipo da libro stampato e l’idea di poter sfogliare qualcosa scritta da me ha avuto la meglio.

Come tanti autori, anche tu vieni dal mondo di wattpad: quanto ti ha aiutato a farti conoscere dai lettori? Lo consiglieresti a chi come te vuole cominciare a posare le basi per diventare un giorno uno scrittore?

Wattpad è sicuramente un trampolino di lancio e una grande vetrina. Aiuta soprattutto chi si affaccia alla scrittura per la prima volta e permette di migliorare nel tempo. Se ripenso ai primi capitoli pubblicati in piattaforma, quasi ho i brividi. Con il tempo si cresce e la capacità di scrivere nel tempo migliora e wattpad è sicuramente d’aiuto in questo. Ora non bazzico molto su wattpad da un paio di anni a questa parte e credo che la piattaforma sia molto cambiata, ma come esercizio e allenamento lo consiglio sicuramente. Lo consiglio però a chi non scrive per ottenere stelline e visualizzazioni, perché allora potreste restare delusi. Prima viene la scrittura e la voglia di condividere un pensiero e solo dopo arriveranno le visualizzazioni. Spesso invece ho visto fare il contrario, ma è un qualcosa che capita a tutti. L’importante è non lasciarsi demoralizzare o scrivere solo in funzione di quello.

La tua trilogia è ispirata alla tua vita, o è tutto frutto della tua immaginazione?

La trilogia di Underground Love, come quasi ogni primo romanzo di qualsiasi scrittore, racchiude molto dell’autore tra le righe. Posso dire che c’è molto della mia vita nero su bianco, ma chiaramente molti episodi sono solo frutto della mia immaginazione.

Hai usato come prestavolto un noto personaggio, come mai questa scelta? E quanto ha influito sulla tua storia?

Ho preso questa decisione perché è così che ho subito immaginato il mio Henry Evans. Esattamente come Harry Styles. È stata una conseguenza del mio fantasticare piuttosto che una scelta. Più scrivevo più mi rendevo conto che immaginando Harry mi veniva quasi naturale anche descrivere ogni singola scena e questo ha influito molto su alcune scene dove senza prestavolto non credo sarei riuscita a descrivere tutto come avrei voluto.

Quanto la lettura e la scrittura riempiono le tue giornate?

Al momento purtroppo davvero poco. Sto uscendo da una fase piuttosto complicata della mia vita a causa della quale lettura e scrittura hanno risentito parecchio. Sono passati quasi due anni dall’inizio del mio blocco del lettore e dello scrittore. Due anni in cui non sono riuscita a scrivere nulla se non scene inedite per l’ultimo volume della mia trilogia uscito lo scorso novembre.

Quali novità ci aspettano in questo 2020?

Penso di essere alla fine del tunnel di questo blocco e sono molto contenta perché sono tornata a scrivere. Alterno momenti in cui riesco a scrivere interi capitoli e altri in cui a malapena mi riesce il titolo, ma sono molto soddisfatta perché ho tra le mani una nuova storia che mi sta completamente assorbendo e che spero di portare alla luce entro l’anno. Non vedo l’ora di condividerla con i miei lettori e vedere se questo romanzo verrà gradito come Underground Love, o chi lo sa, magari anche di più!

Ringrazio Martina per avermi concesso un po’ del suo tempo e averci portato nel suo mondo!

Elisa C.



Categorie:Autori, Curiosità, interviste, Libri

Tag:, , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: