Ci vediamo domani se non piove

Sara ha trent’anni, vive a Milano, è la direttrice della nuova galleria d’arte a Brera e ha questa innata voglia di trovare l’amore vero, quello con la A maiuscola. Pare che questo però, si sia nascosto fin troppo bene, o forse è Sara che si è rifugiata per così tanto tempo dietro a questi ideali, da non accorgersi nemmeno quando l’amore piomba nella sua vita

Sinossi: Ma dai, che sarà mai organizzare una mostra di un artista ucraino sconosciuto che ritrae solo animali spappolati? In fondo sei la direttrice della nuova galleria di arte contemporanea in Brera a Milano e questa mostra sarà solo… determinante! Non è facile addormentarsi quando i pensieri si scontrano e rimbalzano come tante palline di un flipper, e la testa di Sara sta letteralmente andando in tilt. E come se non bastasse l’ansia da inaugurazione, ci si è messa anche sua madre, che vuole trovarle un fidanzato… Proprio a lei, che sogna l’amore quello vero, romantico, con la A maiuscola, quello che capita una volta sola nella vita. Se e quando, però, non è dato saperlo… La sera dell’inaugurazione è arrivata e Sara non deve distrarsi se vuole che tutto vada per il verso giusto… ma chi è quel tipo che sta denigrando senza mezzi termini le opere esposte facendo ridere tutti? No, no, Sara, non è così che doveva andare…

 

“ Se mi avessi odiato, sarebbe stato tutto più facile. Ma se c’era una cosa peggiore di saperti felice con un altro, era impedirti di esserlo. Per questo sono tornato”.

 

Un speed date riuscito male la porta dritta tra le braccia del procacciatore d’affari Diego Ferrari, che però pare avere un debole per le ragazze minute e more, tutto l’opposto di Sara, che non si scoraggia affatto, dato lo scarso interesse per l’uomo che ha di fronte. Qualcosa nel loro incontro va però storto, e i nostri protagonisti sono costretti a condividere più di qualche ora insieme. È uno scambio di favori reciproci, che li porta sulla pista da ballo, dove Sara, secondo un indovina, incontrerà l’amore della sua vita proprio la notte di San Lorenzo.
L’equivoco però è dietro l’angolo, ad ogni passo Diego e Sara si scontrano e incontrano un po’ di più. Tra un ballo e l’altro qualcosa cambia, senza che loro se ne rendano conto. Il tuffo nel passato della nonna non aiuta, portando a galla quello che Sara, ha cercato di allontanare per una vita intera. Un ballo, le stelle cadenti e l’uomo che non credeva di poter amare. Può l’amore esploderci addosso in modo così inaspettato nonostante ci sia stato predetto?
Ci vediamo domani se non piove, è un romanzo scorrevole e mai noioso, ma al contempo a mio parere manca quel pizzico di passione che invece ho trovato in Ho sposato un maschilista. Lo stile fresco e divertente della Bonny è presente già dalle prime pagine, provocando ilarità soprattutto nella scena dello speed date. Ho apprezzato molto il personaggio di Diego, mi sarebbe piaciuto poter leggere qualche suo punto di vista, come arricchimento della storia.
Consiglio questo romanzo a tutti quelli che sono alla ricerca dell’amore inaspettato, e che magari lo aspettano improvvisando qualche passo di danza sotto la pioggia.

Elisa C.

 

41e0bH6r-PL

 

Dati

Genere: romanzo rosa,

Edito: NewtonCompton

Autrice: Joanne Bonny

Pagine. 279

Link



Categorie:Libri, Narrativa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: