FRANCESCO CICCHELLA: Il palco fa parte della mia vita

 

Solo artisti unici di portata internazionale. Innovativi e che catturano le nostre emozioni. Oggi conosciamo: Francesco Cicchella @frankcicchella  Conosciuto e amatissimo dal pubblico per le sue imitazioni come quella al cantante inglese Micheal Bublé, comico di ‘Made in Sud‘, artista napoletano versatile e completo con una lunga carriera alle spalle, Francesco Cicchella non smette mai di sorprendere tutti i suoi fan.

3y6a4289


Le sue eclettiche imitazioni sono frutto di un’accurata preparazione e Francesco appena trentenne ha già alle spalle una lunga carriera che lo vede a soli 17 anni vincitore del Premio Totò. Il suo personaggio ha davvero mille Talenti che lo rendono Showman preparato, cantante con una innata capacità vocale, interprete dalle “millevoci‘ e versatile funambolo di comicità.

Oggi è ospite di LIFE FACTORY MAGAZINE un attore trasformista strepitoso sempre alla ricerca di un modo divertente e insolitamente nuovo di mostrarci la realtà!

A quale età ha iniziato a capire che il mondo dello spettacolo sarebbe stato il suo futuro? Il palco ha sempre fatto in qualche modo parte della mia vita, fin dalle prime recite scolastiche dove mi affidavano sempre un ruolo da protagonista. Sono stato molto fortunato in questo, ho sempre avuto professori che davano molto spazio alle attività teatrali. Poi, intorno ai 13 anni, ho iniziato ad avere le prime esperienze in varie compagnie amatoriali e lì ho capito che stare in scena come attore/cantante mi piaceva ancor più che suonare il pianoforte, che fino a quel momento aveva rappresentato la mia vera passione artistica.
Fu quello il periodo in cui maturò dentro di me l’idea che, da grande, avrei voluto vivere di spettacolo.
A 17 anni, poi, ho vinto il Premio Totò come comico e a 19 il premio Alighiero Noschese come imitatore, entrando subito dopo nel cast di “Made in Sud”, che all’epoca andava in onda su Sky Comedy Central. Da quel momento non ebbi più dubbi che sarei riuscito ad intraprendere questa carriera.

Da piccolo già imitava parenti e personaggi famosi? Chi ha visto a teatro il mio spettacolo “Millevoci Tonight Show” ne ha la prova!
Lo spettacolo, infatti, comincia proprio con una videoproiezione di un vecchio filmino in cui, nel giorno del mio terzo compleanno, intrattengo la mia famiglia con una serie di imitazioni. Al liceo, poi, ho cominciato ad affinare questa capacità, perfezionando le imitazioni dei personaggi famosi e, naturalmente, collezionando tutte quelle dei miei professori.
La cosa divertente è che a ciascuno di loro mostravo le imitazioni di tutti gli altri, tenendolo all’oscuro del fatto che facessi anche la loro.
Succedeva, quindi, che quando due prof. si parlavano, l’uno ridesse dell’altro pensando alla parodia che ne facevo io, senza sapere che l’altro stesse ridendo di lui per lo stesso motivo! 😀

Quali sono stati i suoi maestri e modelli di riferimento e di ispirazione? Cerco sempre di imparare e trarre ispirazione da tutti gli artisti che reputo bravi, anche se forse si impara ancora di più da quelli non bravi, perché ti fanno capire quello che non devi mai fare!

Il più grande con cui ho avuto modo di confrontarmi è sicuramente Gigi Proietti, che mi ha dato l’onore di firmare la regia del mio già citato show teatrale. Gigi è un vero maestro, oltre che una persona straordinaria. Uno di quelli che ti insegnano cose anche senza volerlo, magari semplicemente raccontandoti un aneddoto della loro vita.

Qual è stata l’esperienza più formativa tra il programma Tale e Quale Show che nel 2015 l’ha vista vincitore di questa kermesse e il programma ‘Made in Sud’? Sono state due esperienze molto diverse: Made in Sud è un progetto frutto dei laboratori di cabaret che da anni si svolgono presso il teatro Tam di Napoli, un lungo percorso durato diversi anni, che mi ha dato prima la possibilità di formarmi come comico e poi quella di mettermi in mostra.

Tale e Quale Show” è stato invece una tappa più breve, ma altrettanto intensa. E’ di sicuro l’esperienza televisiva che mi ha dato più emozioni e soddisfazioni fino ad ora, parteciperei ad altre cento edizioni se fosse possibile!
E’ un programma completo: c’è il trasformismo, il canto, il ballo, l’imitazione e il lavoro da attore, a volte addirittura psicologico, per entrare nella mimica e negli atteggiamenti di un personaggio.
La differenza interessante tra i due format, per me, è stata la distinzione tra parodia e imitazione pura: a Made in Sud, infatti, caratterizzavo i miei personaggi in chiave ironica esasperandone determinati aspetti e, spesso, dandone da comico anche una mia personale interpretazione.
Nel programma di Rai1, invece, ho dovuto abbandonare questa abitudine per entrare in maniera credibile nei panni dei vari cantanti.

Ci può spiegare qual è per tutti noi inesperti di cinema, la differenza tra fare l’attore e fare l’attore comico? Devo premettere che non mi piacciono le etichette e le distinzioni tra tipologie di attori e artisti, credo molto nell’idea dell’artista versatile e poliedrico. Tuttavia, devo ammettere anche che la comicità richiede delle attitudini particolari che non tutti possono avere: i cosiddetti “tempi comici” sono qualcosa che non si può imparare, se non in minima parte.
Il tempo comico è un meccanismo che non si può spiegare, è frutto di una sensibilità innata, che certamente poi si affina con l’esperienza.
Fare lo showman e intrattenere per due ore il pubblico da soli sul palco, è ancora un’altra storia: richiede grande concentrazione, prontezza, capacità di improvvisazione, di “leggere” l’andamento dello spettacolo per capire come, quando e cosa fare per tenere sempre viva l’attenzione del pubblico, aldilà del copione già scritto.

Ci parli dei suoi progetti futuri A febbraio sarò tra i protagonisti di “Enjoy”, un nuovo format comico che andrà in onda su Italia1 in prima serata. Poi ci sono altri progetti in cantiere, ma non ve ne parlo adesso così sarete costretti ad intervistarmi di nuovo! 😀

Voi cosa ne pensate?
Scrivetelo qui
(Mi piace ascoltare le vostre critiche o apprezzamenti per poterci confrontare)

Al prossimo Artista

Valeria
Art Promoter



Categorie:interviste, Senza categoria

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: