Mamma in sedia a rotelle: l’amore oltre ogni limite

Questa è la storia di una grande donna e di un’amore che supera le barriere. Ma ora conosciamo meglio la nostra protagonista.

Sono Mariangela Esposito, ho 34 anni e sono della provincia di Napoli. Sono in sedia a rotelle da quando avevo vent’anni, a causa di una distrofia muscolare che piano piano, mi ha portata a non camminare più. Ammetto che all’inizio non è stato facile, pensavo che la vita mi avesse tolto ogni cosa, che nulla avesse più un senso. 
Ma dopo tutto, piano piano ho cercato di andare avanti, in cuor mio sapevo che per me c’era in serbo un disegno più importante, qualcosa di bello che doveva accadere e questo non mi ha mai fatta scoraggiare. 
Un giorno come tanti, ero con una mia amica la quale quasi mi costringe a iscrivermi su Facebook, ed è lì, che dopo pochi mesi mi arriva una richiesta d’amicizia da un ragazzo, col quale inizio a chattare… Tiago, un mio coetaneo, brasiliano d’origine e veneziano d’adozione. Dopo circa un mese decide di mettersi in macchina e venire a conoscermi. Da quel giorno non ci siamo più lasciati. Per me lui ha cambiato la sua vita, cambiato città, cambiato le sue abitudini,  dicendomi che l’unico posto che lo rendesse felice davvero era stare al mio fianco. E lui ha cambiato per sempre la mia. 

Nonostante la mia malattia, la distanza, i pregiudizi, ci siamo amati al primo sguardo e dopo qualche anno da fidanzati abbiamo coronato il sogno di diventare marito e moglie nel luglio del 2012. Ovviamente il mio desiderio era anche un altro: quello di diventare mamma. 

Cosi, ci imbattiamo in varie indagini genetiche per escludere che un futuro bambino possa “ereditare” la mia malattia e finalmente, nel 2014 abbiamo le risposte: i nostri futuri figli nasceranno sani! 

L’anno successivo scopro di essere incinta, ma purtroppo la felicità dura poco, poiché persi il bambino dopo poche settimane. Ancora una volta la vita mi aveva messa alla prova e io ancora una volta non gliel’ho data vinta. 

È nel 2017, precisamente il 7 luglio, nel giorno del nostro quinto anniversario di nozze, che arriva la felicità vera e propria, quella che ti fa uscire il cuore fuori dal petto, quando ti accorgi che il test di gravidanza è positivo! Nonostante la sedia a rotelle, le difficoltà di un pancione negli ultimi mesi, la fatica che si fa sentire, io ero felicissima. Non mi sono mai pentita di quella scelta, ad ogni ecografia ero sempre più ansiosa di conoscere quella che al quinto mese abbiamo scoperto ufficialmente fosse una bambina. Una gravidanza perfetta, non ero mai stata bene come in quei mesi, a differenza di ciò che si potesse pensare! 

E poi arriva quel giorno inaspettato, quello che non avevi messo in conto perché si sa che a 36 settimane e 5 giorni è un po’ presto per partorire. Ma il 14 febbraio 2018, durante la notte più romantica dell’anno, a San Valentino, è nata la nostra piccola Sharon, con un cesareo d’urgenza e tanta fretta di conoscere il mondo. La nostra bimba è nata all’1.29 di notte, e pesava soltanto poco più di due chili… ma stava bene, entrambe stavamo bene.

Non desidero un paio di gambe nuove, non mi serve guarire dalla mia malattia, mia figlia è tutto ciò di cui ora ho bisogno, mi completa e con lei sono rinata. Ora ho capito che quel disegno che il futuro mi aveva riservato aveva il viso di mia figlia, era lei quel qualcosa di bello che dopo anni sarebbe piombato nella mia vita, e finalmente la colorasse. Il desiderio di diventare mamma è stato più forte di ogni paura. Quando ho deciso di essere mamma non ho visto ostacoli ma solo un unico grande traguardo che mi ha portata dritta a lei, mia figlia, l’essenza della mia vita, il mio arcobaleno, il mio miracolo.

Alla domanda “a chi si trova ad affrontare un dramma simile che messaggio vuoi dare?” rispondo che la vita è un dramma solo se la rendi tale, che credo ci siano momenti di sconforto, giorni nei quali è davvero difficile tirare fuori il sorriso, ma alla fine bisogna sempre trovare la forza interiore, porsi degli obiettivi, perché la vita non è mai un dramma se vissuta totalmente, la vita è bella così come ci è stata donata, perché penso a chi vorrebbe vivere e sta lottando per poterlo fare e a chi addirittura gli è stata negata questa possibilità. Vivere è il più bel regalo che abbiamo, aggrappatevi con tutte le forze che avete a quello che vi rende felici e lottate per realizzare i vostri sogni, credeteci ogni istante e sicuramente qualcosa di magico succederà.

Mariangela la potete seguire anche su Instragram @_mariangela.esposito_

Spero che questa bellissima storia vi sia piaciuta e possa dare la forza a tutte quelle persone che si trovano in un momento buio della loro vita. Lottate ogni giorno per ottenere qualcosa di positivo e di migliore perché prima o poi l’arcobaleno esce sempre, quei colori stessi che fanno dell’arcobaleno uno spettacolo che incanta.

Un bacione Valentina

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.