Accademia Italiana Galateo e Buone Maniere: valorizzare noi stessi e la tavola delle feste

COME VALORIZZARE NOI STESSI E LA TAVOLA DELLE FESTE NEI GIORNI PIÙ IMPORTANTI DELL’ANNO 

Il nostro appuntameto settimanale VI FA CONOSCERE:
L’ Accademia Italiana Galateo e Buone Maniere
accademiaitalianagalateo.it

Sono in compagnia del Presidente Samuele Briatore @samuelebriatore che ci svela quali sono i veri segreti del Galateo e le regole dell’eleganza per vivere al meglio i giorni delle Feste!! Samuele è uno storico, un ricercatore e coordinatore del primo Master Europeo in Galetei e Buone Maniere che è organizzato dall’ Università La Sapienza di Roma.

Cari lettori, quali sono, secondo voi, le regole del galateo per la tavola delle Feste?
L’esibizione, l’apparenza che ostenta o le decorazioni in bella mostra cariche di paillettes? Prima di  incontrare Samuele ne ero convinta, dopo questa chiacchierata ho invece scoperto una nuovo significato della parola galateo che mette al centro:

la SOBRIETA‘ nel concetto di eleganza e l’ ACCOGLIENZA nel senso di ASCOLTO dell’ Ospite. Non bisogna mai cercare di stupire ed eccedere. Questi sono gli aspetti cardine delle cosiddette buone maniere.

Come bisognerebbe preparare la Tavola di Capodanno?

Attraverso i media e la televisione si è portato il discorso delle buone maniere in quelle che sono le arti decorative, la tavola il centrotavola. Ma la tavola perfetta a Natale non esiste. Perché ci sono servizi, ambienti, occasioni, circostanze, situazioni, amici e tutto ciò fa variare completamente la tavola.
Se vogliamo fissare alcuni elementi da tenere in considerazione per la sera di capodanno io direi sicuramente: la SOBRIETÀ e l’ ACCOGLIENZA.
Meno decorazioni e più attenzione a quella che è la conversazione.
Spesso vengono messi questi centrotavola giganteschi, pieni di lustrini e paillettes, con le pigne. Ma dobbiamo pensare che la tavola non è mai un’esibizione di noi stessi, non dovremo far vedere ai nostri amici quanto  siamo bravi ma accoglierli nel migliore dei modi. Ormai con queste persone è di moda commentargi la tavola. Ma io non voglio andare a casa degli amici a commentare le tavole ma a star bene insieme a loro.
Il  centrotavola è qualcosa che deve essere molto discreto, una piccola cosa.
Se è un fiore starò molto attento a che non sia profumato, quindi nulla di odoroso, come  cannella e altre profumazioni in voga. Non si utilizzeranno mai quelle candeline basse, che scaldano il vino, scaldano l’acqua e per di più bruciano le camicie; la candela dovrà essere rigorosamente più alta degli occhi dei commensali, dovranno essere slanciate.

Una cosa importante per la tavola di capodanno, se è fatta in casa, è di crearla in modo di limitare il più possibile le alzate della padrona di casa, in modo che anche chi accoglie questa festa, non debba alzarsi ogni momento a cambiare un piatto.
Bisogna puntare molto sulla sobrietà e sull’accoglienza perché appunto non è un ristorante ma un ambiente domestico e io la padrona di casa la voglio vedere al tavolo.  Dobbiamo sempre stare attenti a non trasformarci in camerieri.
Le buone maniere non sono l’apparecchiatura ma prendersi cura dell’Ospite con l’accoglienza e l’ascolto. La mania per la tavola è un modo per togliere l’attenzione da altri.

Quali sono gli abiti da indossare e come dobbiamo valorizzare noi stessi in questo periodo?
Allora due sono le regole fondamentali nella sera di Capodanno a cui bisogna stare attenti: Non eccedere e seconda: mai andare in ‘overdress‘, ciò vuol dire che nel caso il padrone di casa organizzi la serata, dovremmo sempre trovare un accordo con gli altri invitati. Perché se ci troviamo a una cena informale a casa di un amico che al momento ha delle difficoltà e l’abito è abbastanza sobrio, noi non potremmo arrivare brillantinati con il tacco 12, ricordandoci che le buone maniere sono sempre un’accoglienza.
Non bisogna fare nulla per eccedere.

Quindi il nostro abito sicuramente sarà coordinato con quello degli altri ospiti e del locale in cui stiamo andando quella sera. Per  una serata di gala sicuramente l’abito per la donna sarà lungo, con strascico, rigorosamente scuro, blu notte, il capello sarà raccolto e i gioielli saranno limitati ai punti luce; sempre una situazione sobria  evitando scollature e tacchi eccessivi.
    I tacchi possono essere indossati solo se siamo capaci di dominarli, senza farli  diventare un limite per la serata che può andare a condizionare le scelte altrui. Si eviterà poi, nelle serata di gala, di mettere in evidenza le Griffes che sono scorrette e volgari in tutte le circostanze pubbliche.
     
 Come intratteniamo gli ospiti Samuele?
Importante è anche in questo caso l’accoglienza
Evitiamo quindi di fare qualcosa che lascia intuire la nostra condizione economica.
Tutto dovrà essere modellato su quelli che sono i nostri ospiti

Come li intrattengo?

Li intrattengo sicuramente con una timeline e una scansione dei tempi adeguata. Bisognerà organizzare la casa in modo  che ci possano essere dei momenti conviviali, in modo che dopo il dolce le persone possono alzarsi e andare in un altro locale.

Quindi il ruolo del salotto è un ruolo fondamentale che dà quella dinamicità  a una festa e a un evento.
Spesso capita che queste cene vengano frazionate in due macrosettori, primo quello della cena fatta  a casa  e dopo un extra cena, quindi avvicinarsi ad un locale. Questo ovviamente dovrà essere sempre accordato prima.

Per capire il GALATEO, dobbiamo pensare che le buone maniere, al livello codificativo, nascono nel ‘500 con Erasmo da Rotterdam; fino all’830 sono pregne di quella che è la morale perché spesso erano scritte da esponenti del clero quindi ovvio che la buona maniera era molto poco estetica e molto ricca di morale. Nel  dopo guerra arriva il grande mito del riscatto sociale Il mito “da casalinga a signora”, perché c’era molta attivita’ sociale.
La parte morale densa di RISPETTO, osservazione, conversazione empatica, quindi viene meno e resta solo la facciata delle buone maniere.
L’immagine, di cui parlo ai miei corsi, è di pensare a un palazzo nobiliare meraviglioso che negli anni 50 è stato totalmente sventrato al suo interno e ne è rimasta soltanto una facciata!

 

Grazie mille Samuele 🌟

Voi cosa ne pensate?
Scrivetelo qui
(Mi piace ascoltare le vostre critiche o apprezzamenti per poterci confrontare)

Al prossimo Artista

Valeria
Art Promoter




Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.