GIOVANNA DI NAPOLI di Alexandre Dumas

Questo romanzo fa parte dell’antologia intitolata “Delitti Celebri”, pubblicata tra il 1839 e il 1841, in cui l’autore racconta scrupolosamente 18 fatti di sangue realmente accaduti nel periodo che va dal Medioevo all’Ottocento.
La magica penna di Alexandre Dumas ci incanta di nuovo, questa volta con la lucidità di uno storico di professione, scavando nelle passioni personali dei protagonisti.

Gennaio 1343
Una giovane regina di appena 15 anni, in un periodo storico segnato da delitti, barbarie, guerre, e dal flagello della peste nera.
Una giovane regina, tanto bella e ambiziosa quanto inesperta e ingenua che si trova all’improvviso a dover governare il Regno di Napoli, alla morte del nonno, Roberto D’Angiò. La vita e il destino di Jeanne de Naples rivivono tra le pagine di questo romanzo che la sapiente penna di Alexandre Dumas ha reso immortali nei secoli.

“… Sono assai da compatire sia come regina che come donna. A 15 anni una corona è pesante da portare e inoltre non dispongo della libertà di cui gode perfino l’ultimo dei miei sudditi. Mi riferisco alla libertà degli affetti che mi è stata negata prima ancora che avessi raggiunto l’età della ragione, quando sono stata sacrificata a un uomo che non potrò mai amare..”
È sola Giovanna, circondata da persone a lei care ma di cui non si fiderà mai fino in fondo. È ingenua Giovanna, perché crede ancora negli affetti e nell’onore.
E’ passionale Giovanna, come qualsiasi altra donna che si affaccia per la prima volta all’amore.
Un amore sbagliato, un amore proibito, un amore che però le regalerà quella tenerezza e quei batticuori che non potrà mai avere dal marito.
Infamia e tradimenti la circonderanno per tutta la vita, rendendola vittima e artefice nello stesso tempo di un destino quanto mai doloroso.
Amata e venerata dal suo popolo, tradita e abbandonata dagli affetti a lei più cari, Giovanna è una figura quanto mai attuale, e sono sicura che, fino all’ultima pagina, resterete con il fiato in sospeso sperando e desiderando per lei un finale diverso…

Un plauso particolare va a Viviana Carpifave che ha tradotto egregiamente questo volume, facendomi ritrovare in ogni pagina l’autore, il narratore, che tanto avevo amato in quello che è per me il suo più grande capolavoro: IL CONTE DI MONTECRISTO.

Giudizio: 5/5

20191207_152149.jpg

 

Dati:

Genere: Storico

Edito: Scrittura&Scritture

Pagine: 160

Link

 



Categorie:Libri, Storico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: