Elizabeth Jane Howard – Le mezze verità, Fazi editore

Dopo la saga de “I Cazalet”, Fazi Editore propone “Le mezze verità”, un altro capolavoro di Elizabeth Jane Howard incentrato su problemi e dinamiche di un’atipica famiglia britannica.

SINOSSI: May Browne-Lacey ha da poco sposato in seconde nozze il Colonnello Herbert; entrambi hanno figli dai precedenti matrimoni e vivono in una casa di singolare bruttezza nelle campagne del Surrey, fortemente voluta dall’uomo e acquistata con l’eredità di May.
Alice, la figlia di Herbert, si sta per sposare, più per fuggire dal padre che per amore. Il Colonnello non piace nemmeno ai due figli di May, Oliver ed Elizabeth: lo considerano un borioso tiranno che si comporta in modo strano e opprime la madre. Oliver, un ventenne brillante e ironico, abita a Londra, non ha un lavoro stabile e vorrebbe tanto sposare una donna ricca che lo mantenga. Elizabeth, la sorella minore, che nutre un
complesso di inferiorità nei suoi confronti, è una ragazza ingenua e sentimentale. Quando quest’ultima decide di trasferirsi a casa del fratello per cercare lavoro, May, rimasta sola nel Surrey con Herbert, inizia a pentirsi amaramente di averlo sposato. Intanto Elizabeth trova lavoro e anche l’amore, Oliver cerca la sua ereditiera mentre si fa mantenere dalla sorella, e Alice, incinta e infelice, vorrebbe scappare di nuovo. In
questo sottile ritratto di una famiglia in crisi, ognuno deve fare i conti con una mezza verità che lo tormenta; ma la tragedia è dietro l’angolo e quando arriva spazza via quell’aria di non detto che così a lungo ha gravato sui protagonisti. Attraverso la sua scrittura audace e affascinante, in Le mezze verità Elizabeth Jane Howard trascina il
lettore in una commedia dalle sfumature noir che è anche un romanzo sulle molteplici declinazioni dell’amore: l’amore coniugale, quello familiare, quello passionale e quello che proprio amore non è.
May, vedova, sposa in secondo matrimonio il colonnello Herbert. Entrambi hanno già figli dai precedenti matrimoni e si ritrovano a vivere tutti insieme in una orribile e fredda villa di campagna fino a quando il matrimonio di Alice, la figlia di Herbert, sconvolge ogni equilibrio. Dopo la partenza di Alice, infatti, anche la figlia di May, Elizabeth, decide di trasferirsi a Londra insieme a suo fratello Oliver, per tentare di trovare un lavoro che possa renderla indipendente ma, soprattutto, per non essere condannata a fare da domestica al colonnello Herbert. May si ritrova così sola, infreddolita e malata in una casa che odia, che ha acquistato con i propri soldi ma in cui – di fatto – non è padrona, in quanto suo marito detta legge su ogni cosa.
Eppure May è consapevole che la situazione in cui si trova, in fondo, è anche colpa sua: le scelte compiute e le parole taciute per il quieto vivere si sono rivelate la sua condanna. Lo stesso accade ad Alice, novella sposa, in attesa di un figlio e al fianco di un marito che odia: la ragazza si rende conto troppo tardi di essersi accontentata del primo uomo che l’abbia corteggiata pur di sfuggire alle grinfie paterne. Anche per i figli di May la vita a Londra non è così facile: Oliver, eterno immaturo, non è in grado di tenersi un lavoro o di trovare una relazione fissa e stabile; Elizabeth si innamora invece di un uomo con il doppio dei suoi anni e con un matrimonio e una figlia decisamente troppo complicati alle spalle.
Un romanzo corale, quello di Elizabeth Jane Howard, fatto di dinamiche familiare spesso complesse e dolorose. Le donne descritte dall’autrice, vere protagoniste de “Le mezze verità”, sono tutte diverse una dall’altra, ma una cosa le accomuna: ognuna di loro è colpevole e responsabile delle proprie scelte, ognuna porta sulle spalle il peso delle proprie “mezze verità”. L’autrice sembra condividere i sentimenti delle sue protagoniste, sembra quasi averli vissuti in prima persona, ed esplora in profondità le diverse sfaccettature di amore, colpa, rimorso, solitudine e desiderio di rimediare ai propri errori, mettendo a nudo la grande complessità dei rapporti umani. I lettori saranno coinvolti dalle storie di May, Alice, Elizabeth e Oliver e, seppur consapevoli dei loro sbagli, non riusciranno a giudicarli, in quanto sentiranno vicino ognuno dei personaggi in una diversa rappresentazione delle sfumature che compongono l’animo umano.
Benchè “Le mezze verità” sia stato scritto nel 1969, è impossibile non rimanere affascinati dalla modernità e dell’attualità degli argomenti trattati: tutto ruota intorno alla “famiglia allargata” di May e Herbert, intorno ai loro drammi e alle loro abitudini, intorno al loro aggrapparsi a mantenere le apparenze anche quando tutto sta cadendo letteralmente a pezzi. Anche lo stile di Elizabeth Jane Howard è moderno, sempre molto raffinato ed elegante e con una nota malinconica e nostalgica di fondo che pervade le
atmosfere del romanzo, dipingendo ambientazioni e personaggi in cui i lettori potranno ritrovarsi e – chissà – grazie alle quali potranno anche scoprire qualcosa di inaspettato o dimenticato riguardo alle proprie emozioni.

Voto 5/5

by Caterina Franciosi

le-mezze-veritaxx.jpg

 

Dati:

Genere: Narrativa

Edito: Fazi Editore

Lunghezza: 329 pg.

Link

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.