SHADOWHUNTERS I – CITTÀ DI OSSA – CASSANDRA CLARE, OSCAR MONDADORI

Serie di successo scritta da Cassandra Clare, ha ispirato film e serie tv con uno dei fandom più fedeli e accaniti, Shadowhunters è finalmente giunto fra le mie mani. Ho sempre avuto dei pregiudizi su questo Urban Fantasy, ma ho deciso di dargli un’opportunità e devo dire che ne sono rimasta piacevolmente colpita.

Sinossi: La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell’incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene  attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un’affannosa ricerca, un’avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l’amore.
Città d’Ossa è il primo volume della serie The Mortal Instruments che vede come protagonista Clary una sedicenne amante di tutto ciò che riguarda l’arte e vive con sua madre Jocelyn in un appartamento a New York. Clary trascorre le sue giornate in maniera ordinaria, fra studio, pennelli e in compagnia del suo migliore amico Simon, un ragazzo semplice e amorevole da sempre segretamente innamorato di Clary.

Una sera, mentre trascorrono una serata al Pandemonium, Clary scopre l’esistenza di un mondo oscuro e misterioso: il Mondo Invisibile, e conoscerà Jace, Alec e Isabelle. Tutte le sue certezze e convinzioni finiranno per sgretolarsi.
Clary si troverà ad affrontare un incubo ad occhi aperti, vedrà il suo mondo totalmente stravolto e si ritroverà sola nella confusione più totale, senza sapere più chi è davvero, senza sapere quale sia la verità sulla sua famiglia; ad aiutarla ci saranno i tre giovani Shadowhunters. Insieme a loro inizierà un’avventura obbligata per salvare ciò che resta della sua famiglia e per fare ciò dovrà affrontare delle creature che mai avrebbe pensato potessero esistere davvero.

Il Mondo Invisibile è popolato da molteplici creature sovrannaturali; a mettere ordine ci sono i Cacciatori o Shadowhunters anche chiamati Nephilim, frutto dell’unione di angeli ed esseri umani. Secondo la leggenda furono “creati” per fronteggiare l’invasione di demoni provenienti da altri mondi; uno stregone evocò l’Angelo Raziel che mescolò il proprio sangue con del sangue umano all’interno di una coppa, la Coppa Mortale, e lo diede da bere agli uomini. E sarà proprio attorno a questa leggendaria reliquia e alla sua ricerca che verterà questo primo volume.
Lo Shadowhunter Valentine, non approvava gli Accordi a causa dell’odio provato nei confronti dei Nascosti, ritenendoli ex-umani “infetti” da sangue demoniaco che meritassero solo di essere uccisi in massa per mantenere il mondo puro per gli esseri umani. Uomo carismatico, visionario e intelligente aveva portato fra le sue fila i migliori Shadowhunters, rendendoli suoi fedeli compagni e sostenitori della sua causa, formando un suo Cerchio di fedelissimi:
Il Circolo.
Il Conclave si opponeva a questa rigida visione di Valentine, pensando che l’aiuto dei nascosti fosse fondamentale per la lotta contro i Demoni, perciò firmarono gli Accordi, causando una lotta interna fra gli Shadowhunters. Da allora Valentine è scomparso, da molti ritenuto morto.

Abbiamo sicuramente molti cliché nella descrizione dei personaggi, sicuramente avranno atteggiamenti infantili e ingenui, ma alcuni di loro andranno incontro ad un iniziale evoluzione interessante – no, Clary no. Jace, il bel giovane dagli occhi color bronzo, sarcastico e apparentemente spavaldo, il classico bello e tenebroso che fa tutto da solo e non vuole l’aiuto di nessuno, con il cuore freddo che nasconde ferite del passato, che in fondo vuole solo l’amore di suo padre, (anche questo è un cliché bello grosso), ma anche estremamente sincero e trasparente, “preferisce dirti una verità orribile piuttosto che mentirti”. Ho molto apprezzato i momenti di dolcezza che ha mostrato il giorno del compleanno di Clary.

“A volte, quando era davvero furiosa, per qualcosa o quando era di cattivo umore Jocelyn assumeva un atteggiamento che Clary chiamava spaventocalma. Era una calma che le faceva venire in mente lo splendore ingannevole del ghiaccio poco prima che si spezza i sotto il tuo peso. In quel momento Jace era spaventocalmo. Il suo volto era privo di espressione, ma c’era qualcosa che bruciava nei suoi occhi color bronzo.”

Incontreremo creature mostruose e impossibili da uccidere definitivamente: i demoni, creature malvage e spietate, che metteranno a dura prova i nostri protagonisti.
“I demoni arrivano da altri mondi. Sono parassiti interdimensionali. arrivano in un mondo che lo consumano. Non sanno costruire solo distruggere …non sanno creare, solo usare. Prosciugano un posto fino a ridurlo in cenere, e quando è morto passano a quello successivo. E la vita quello che vogliono …non solo la tua o la mia, ma tutta la vita di questo mondo …e l’unica cosa che si frappone fra loro e la distruzione di tutto questo …sono i Nephilim.”

Alec ed Isabelle sono i miei personaggi preferiti, i due fratelli sono molto legati e questo loro legame lo vedremo soprattutto nel finale. Alec appare inizialmente come scontroso nei confronti di Clary, ma ogni suo atteggiamento è dovuto alla sua sofferenza, da quando Clary è con loro si sente lasciato indietro, non si sente più in grado di  difendere il suo Parabatai. Il suo atteggiamento è protettivo ai massimi livelli, si sente minacciato dai “problemi” portati da Clary perché lo allontanano da Jace. Isabelle all’inizio ci viene presentata con il più classico del cliché, ovvero la bella ragazza statuaria, un’oca starnazzante, unica donna in un gruppo di uomini, che si sente minacciata dall’arrivo della nuova arrivata e per questo la tratta con aria di sufficienza con un’aura un po’ snob. Fortunatamente questo suo aspetto andrà via via scemando, lasciando il posto ad un personaggio più maturo e strutturato.

Clary è sicuramente il personaggio che odio maggiormente, nonostante ci si metta nei suoi panni per cercare di giustificare molti dei suoi atteggiamenti, non riesco a “perdonarla”. Il suo comportamento nelle fasi iniziali, quando il suo mondo le crolla addosso e sua madre scompare, non riesco a tollerarlo, sembra disinteressata all’accaduto e soprattutto trascura la persona che tiene a lei più di chiunque altro, Simon che viene sfruttato in ogni occasione, come se fosse un ameba, ma nel momento in cui lui è precipiterà nel terrore più totale, lei non lo degnerà di una chiamata per avvisarlo che è viva e vegeta mentre va allegramente in giro con l’affascinante Jace: tutto va in secondo piano quando è con lui, persino le cose più importanti, la sparizione della madre, la casa distrutta, le creature che potrebbero averle portato via sua madre per sempre e potrebbero ucciderla da un momento all’altro, il suo migliore amico terrorizzato perché l ha vista scappare e non tornare più.
Ha sempre un comportamento pretenzioso ed arrogante, tanto da ferire Simon ed Alec, andando a frantumare e calpestare i loro sentimenti ed emozioni.
Di certo non sono una sua fan.

“Dove c’è un sentimento non ricambiato c’è uno squilibrio di potere. È uno squilibrio facile da sfruttare, ma non è saggio farlo. Dove c’è amore, spesso c’è anche odio. Possono esistere fianco a fianco”

Menzione d’onore per Magnus Bane, in questo primo volume fa solo brevi apparizioni ma sempre dannatamente memorabili, non vedo l’ora di scoprire qualcosa in più su di lui. Quella che era la mia paura maggiore, ovvero la presenza pesante di una storia d’amore fortunatamente per quanto concerne questo primo volume è rimasta infondata; l’amore è solo secondario, molto in secondo piano, un punto decisamente a favore.
Il ritmo è incalzante, la lettura scorre fluida senza interruzioni, un volume che si divora in poco tempo non ci sono tempi morti.
Nonostante i colpi di scena fossero abbastanza prevedibili, la storia è godibile. In questa storia c’è tutto, mitologia, intrighi, complotti, minacce, amori, friendzone e creature dalle
mille sfaccettature. Punto debole a mio parere è la figura del “malvagio” Valentine, perché sebbene lo descrivano come un personaggio orribile minaccioso e crudele, alla fin fine ci viene mostrato come un semplice uomo che non fa nulla tranne che ingannare ed insinuare dubbi nelle menti delle persone, al momento sembra tutto fumo negli occhi, sparisce nel nulla senza aver effettivamente fatto nulla.

Da amante dei villain, sono rimasta delusa dal cattivone di cui tutti parlano, tutti temono e poi non fa nulla di memorabile, probabilmente migliorerà andando avanti con la serie.
Sicuramente adatto ad un pubblico Young ma apprezzabile anche dagli adulti.

by Fenicefralepagine

411SNb5PzfL

 

Dati:

Genere: Fantasy

Lunghezza: 541 pg.

Edito: Oscar Mondadori

Link

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.