Comprare firmato per bambini? Preferiamo la qualità!

Articolo a cura di Angela Lavarda

È iniziato l’anno scolastico e se una mamma va per negozi a cercare i famosi pantaloni comodi da indossare in classe trova il deserto..scaffali svuotati e taglie 4/5/6 anni non pervenute! Si assiste alla corsa ai vestiti per bimbi, neanche si dovesse comprare tutto il guardaroba invernale a settembre, per poi dover ricambiare tutto, appena i nostri cari cuccioli, divoratori di ogni cosa, prendono 4 cm in un paio di mesi, o gli si allunga il piede a velocità della luce rischiando di sfondare le scarpe con l’alluce.

65198651-vestiti-del-bambino-concetto-di-moda-bambino-planarità-abbigliamento-e-accessori-per-bambini-bambino-s.jpg

In tutto questo spendere in maniera compulsiva, ha però senso affidarsi alle grandi marche o piuttosto preferire catene economiche?
Personalmente credo che, specialmente quando si parla di bambini, bisognerebbe allontanarsi dal binomio “marchio=qualità”, ma imparare a riconoscere se un capo possiede effettivamente le caratteristiche per essere definito child-friendly.
Un capo destinato a un bambino dovrebbe avere delle caratteristiche, a mio avviso, fondamentali:
Resistenza. I bambini non sanno cosa significhi la delicatezza, giocano, si scatenano e si sporcano. Ed è giusto così. I loro vestiti devono poter essere lavati mille volte e resistere a lunghe sessioni di gioco nel parco.
Qualità. I materiali devono essere possibilmente certificati o almeno il più naturali possibili. Evitiamo porcherie sintetiche e maglie che fanno pallini al secondo lavaggio. Ha senso risparmiare sulla qualità, se una maglietta la metto due volte e poi la devo buttare da quanto è infeltrita?
Comodità. Capisco che le ballerine bianche e i collant siano estremamente romantici, ma lasciamoli per la domenica dalla nonna, e preferiamo i jeans per giocare ai giardini. Mi fanno una pena queste bimbe con calze ormai verdi/marroni e mamme che urlano dalla panchina perché si sono sporcate tutte!
Quello che voglio dire quindi, almeno per quanto riguarda i bimbi, è di cercare di andare oltre il preconcetto che un vestito firmato sia qualitativamente migliore e quindi da preferire. Bisogna cercare la comodità, la qualità e resistenza. Un buon capo d’abbigliamento per bambini può essere di marca o economico, posso cavarmela con pochi euro o comprare pezzi meravigliosi a costi certo più importanti.

Bisognerebbe quindi imparare a riconoscere i materiali, capire i bisogni di un bambino nei vari momenti della giornata, e di conseguenza andare a scegliere un vestito.

Mamme ricordiamoci che i bimbi sono bimbi, e devono poter giocare in sicurezza e indossare materiali adatti al gioco e amici della loro pelle.
coupon-abbigliamento-bambini.jpg

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.