Viticultori: storia di famiglia

La passione della famiglia Pala per la viticoltura inizia nei primi del 900 con Battistino Pala, classe 1873. È suo figlio
Salvatore che, nel 1950, fonda la cantina Pala. L’azienda cresce e nel 1974 Salvatore la sposta nel centro del paese, in uno spazio più grande che conserva la struttura tipica della casa campidanese: una corte delimitata da muri perimetrali piuttosto alti, dove l’edificio principale è costruito in legno e tegole.

Suo figlio Mario, nel decennio 1980-1990, inizia la ristrutturazione dei vigneti e studia come affinare qualità e produzione. Oltre al Nuragus e al Monica, impianta vigneti a Vermentino, Bovale e Cannonau, la cui riserva è pluripremiata.

Cantina Pala.jpeg

Il cammino verso la produzione di qualità, con la razionalizzazione di vigneti e cantina, è inarrestabile. Il raro utilizzo di vitigni internazionali è finalizzato all’esaltazione e all’affinamento dei gusti peculiari dei vitigni sardi. Accanto alla riscoperta e alla valorizzazione di vitigni autoctoni, la famiglia Pala pone grande attenzione a tutto ciò che ruota intorno al vino: cibo, territorio e cultura.

Sono cambiate tante cose da allora, dalla quantità alla qualità, dal mercato locale a quello internazionale, dalle trattorie del paese ai ristoranti stellati, eppure lo spirito è sempre quello di un’azienda dal carattere artigiano e famigliare. Mario Pala ha saputo trasformarla in una moderna realtà, tra le più apprezzate e innovative del panorama vitivinicolo della Sardegna, con cura estrema della qualità e fedeltà totale alle radici sarde. Ponderate scelte nella distribuzione destinano il vino di Pala in tutto il mondo, una strategia premiata nel corso degli ultimi 15 anni in grandi concorsi enologici e da riconoscimenti internazionali di autorevoli guide e riviste di settore.

Oggi a Mario Pala e sua moglie si affiancano i figli, e il nuovo nucleo familiare dedica ancor maggiore energia alla produzione di vini di qualità a forte vocazione territoriale, potendo contare su vigneti in esposizione ottimale coltivati con metodi tradizionali e secondo le regole della coltivazione biologica integrata.

Famiglia Pala (1).jpeg

SERDIANA, IL BORGO DEL VINO
Pala si trova a Serdiana, piccolo borgo della parte più meridionale del Campidano, a venti chilometri da Cagliari. Terra di agricoltori, di oliveti e vigne, è il secondo comune in Sardegna per superficie vitata (810 Ha, Alghero è il primo con 1229Ha). Oltre che per l’olivicoltura e la viticoltura di altissima qualità, il borgo è conosciuto per le sue bellezze artistiche e naturali: meritano una visita la chiesa di Santa Maria di Sibiola, un piccolo capolavoro d’arte romanica circondato da oliveti, e “Su Staineddu”, un lago salato popolato di numerose specie di uccelli, tra cui i fenicotteri rosa.

 

 

WEBSITE

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.