Anche gli illuministi non emettono più fattura di Michele Antonelli

Partiamo dal presupposto che questo libro ha degli errori grammaticali inverosimili, anche se lo scrittore ha annunciato che sono stati commessi di propria volontà!   

Sinossi: Nacque per caso l’idea di mettere insieme una raccolta di situazioni in cui il non-sense si fondesse col gioco di parole, portando al rovesciamento di una realtà nella quale sia il mondo ad adattarsi al linguaggio e non viceversa.
Ad ognuno degli undici racconti corrisponde una differente situazione, che rappresenta il vero unico punto fermo attraverso il quale al lettore è consentito un appiglio narrativo: un appartamento, una telecronaca, un bar, un sottomarino…, dove anche il fattore tempo appare come elemento del tutto ininfluente, e nel quale si muovono uno o più protagonisti, i quali si trovano a fare i conti con una realtà in continuo divenire, farcita di personaggi dalla natura più imprevedibile e mutevole: oggetti, persone, concetti astratti. Il linguaggio è un uso ricreativo della parola, dove la grammatica, non più una rigida gabbia, divenga un sistema di regole del quale farsi beffe, aprendo un enorme spazio da gioco. La formula è dunque quella di giocare con la metrica, la punteggiatura e la morfologia delle parole, mettendo a frutto la lezione Patafisica nel prendere in giro tutto ciò che è empirico e demolire sistematicamente chi si prende troppo sul serio.

Comunque, ho letto questo libro ben tre volte, per capire qualcosa in più o cercare di interpretare il pensiero dello scrittore, ma niente! Non sono riuscita a capire la logica in nessun discorso, in nessuna riga e in nessuno di tutti gli 11 racconti. 

Purtroppo, la realtà mi pone a non sapere cosa scrivere; personalmente non lo consiglierei e anche se volessi farlo, non saprei a chi essendo un genere di lettura davvero particolare. Non me ne voglia lo scrittore, questo è comunque un mio personale pensiero. 

 

Giudizio: 2/5 

download.jpg

Dati:

Genere: Umoristico

Editore: Elison Publishing

Lunghezza: /

POV: terza persona

Link

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.