Punche needle o ago magico

Buongiorno care lettrici, ed eccoci qui con una nuova rubrica dedicata alla creatività. Adoro il fatto a mano e se anche voi lo siete, bhe siete giunte nel posto giusto per imparare tanti nuovi lavori.

Oggi voglio iniziare con questa favolosa tecnica ma ancora poco conosciuta, anche se antica. Il Punche Needle, o punzonatura ad ago, è una tecnica artigianale he consente di avvolgere un filo di cotone, di lana o un nastrino formando un motivo o disegno attraverso il tessuto. Le origini della punzonatura sono tutt’ora discusse alcuni sostengono che sia conosciuta fin dall’antico Egitto, quando gli aghi venivano costruiti con le ossa vuote dei volatili, altri credono che questa tecnica provenga dalla comunità dei Vecchi Credenti in Russia, per altri ancora ha origini in Germania o Inghilterra. Viene utilizzata per ricamare oggetti, creare tappezzeria, cuscini, tappeti, copertine ecc, quindi spazio alla fantasia. Andiamo a scoprire meglio come iniziare, materiali ecc…

Le basi

Cosa serve e come si presenta al lavoro? Prima di tutto possiamo dire che non si tratta di un ricamo a filo contati ma anzi è possibile ricamo di tipo tradizionale ( quello che si realizza ad esempio a punto erba, punto lanciato eccetera), il disegno è stampata direttamente su di una stoffa, solitamente in cotone a trama molto fitta e compatta. Si lavora dal rovescio è questa forse è la sua particolarità: il lavoro finito lo volete soltanto voltando il ricamo. L’aspetto finito del Lavoro ricordo forse è un po’ quello di tappeti con un piacevole fatto “rilievo”. Gli strumenti necessari per il ricamo sono quindi: la stoffa stampata, il telaio (fondamentale per tenere la tela tesa non se ne può fare a meno), i filati (vedremo nel dettaglio più avanti) e particolari aghi punzoni.

Gli aghi (punzoni)

Gli aghi sono l’attrezzo più “strano” che serve per questo lavoro. Se ne trovano di vari tipi ma fondamentalmente sono costituiti da un corpo centrale dentro al quale passerà il filo, dalla punta in metallo fornita di una cruna (dalla quale dovrà uscire il filo) e da un sistema di distanziatori che servono per determinare la “profondità” del punto che andremo ad eseguire. Quasi sempre in dotazione con gli aghi è fornito il “threader” (infila-aghi), attrezzo fondamentale per poter preparare l’ago al ricamo. Laddove non fosse fornito con l’ago va acquistato separatamente.

Agendo sulla profondità potremmo tenere i ricami con parti in vario spessore, per esempio un fiore ricamato con maggiore profondità risulterà rilievo rispetto allo sfondo ricamato con spessore minore. Gli aghi sono di tre misure differenti a seconda della grossezza e possono essere usati:

  • Il più fine con 1 o 2 capi di Moulinè (anche Moulinè tinti a mano), o con perlè n. 12
  • È meglio con 3-4capi di Moulinè o con perlè numero 8 (e filati equivalenti)
  • Il più grande con 5-6 capi di Moulinè, perlè n. 5 (e filati equivalenti)

Stoffa e telaio

Come abbiamo detto Il ricamo stampato direttamente sulla stoffa molti degli schemi che si possono acquistare hanno già appunto la stoffa stampata allora interno. Altrimenti si può usare la tecnica del decalcabile per riportare un disegno di nostra scelta sulla stoffa che andremo a ricamare (un po’ come si fa per il ricamo ad intaglio). L’uso del telaio necessario non si può lavorare senza sicuramente la soluzione migliore costituita dai classici cerchietti sia in plastica che in legno. Scegliete con attenzione la grandezza del telaio per ricamo che farete dovrà essere interamente contenuta nel diametro del telaio stesso.

Filati

Peri filati ci si può sbizzarrire non ci sono limiti alla fantasia si può usare il classico moulinè, ma ci si può divertire anche con gli sfumati (ideali per sfondi, petali di fiori ecc) e con i tinti a mano fino ad “osare” con i metallizzati i filati particolari tipo i “pelosetti”. La cosa importante è sempre abbinare il giusto spessore del filo (o il giusto numero di topi di filato) all’ago giusto come indicato prima.

Preparazione

 

1 Scegli un disegno da trasferire sul tessuto lo potete disegnare voi stessi o cercare su internet.

  • Come tessuto vi consiglio un tessuto rigido tipo quello da lenzuola, o picquè
  • Tagliato le more lasciare almeno 10 cm di bordo su tutti i lati del motivo
  • E fai quel disegno sul retro del tessuto usando una penna o matita.

 

2 Scegli un telaio da ricamo che si adatti al disegno.

3 Inserisci il filo nella penna. Questa è formata da una parte interna cava e lo misuratore di profondità ha due lati la parte che prende il tessuto smussatae contiene la cruna. Fai scorrere il filo fino alla cruna del lago passando per la cavità interna dello strumento. Dopodiché fa in modo che passi attraverso scegli il colore numero di file in base al disegno

Tieni il punzone come se fosse una matita, con il lato smussato rivolto verso il tessuto che vuoi per forare all’altra estremità della pena. Lascia che il filo rimanga adagiato sul tuo dito assicurandoti che non le impedisca il movimento.

Perfora il disegno. Posiziona l’estremità appuntita dell’ago sul disegno è fora il tessuto finché il misuratore di profondità non lo tocca, questo punto c da lago verso di te senza estrarlo completamente.

Sposta, leggermente la punta del Lago per fare il prossimo foto deve sempre rimanere a contatto con il tessuto. Bucalo nuovamente finché il misuratore di profondità non lo tocca. Quindi riporta l’ago lentamente verso di te.

Ripeti questo procedimento Finché il disegno non è completo inizia il contorno esterno può riempire elementi principali dall’interno verso l’esterno

Terminate la cucitura con un paio di punti concentrati nello stesso punto ed estraendo poi l’ago lentamente dal tessuto. Lascia circa 1.5cm di filo e taglia quello in eccesso. Aprite il telaio e rimuovete il tessuto

Ecco l’ago che uso, lo potete acquistare su Amazon (il prezzo si aggira intorno alle 13€) o su aliexpress lo trovate anche a meno anche se i tempi sono molto più lunghi.

Ecco altri esempi di un lavori che ho terminato.

 

Spero che questo tutorial vi sia piaciuto. Vi auguro un buon fine settimana di sole e divertimento. Lancio una sfida a tutte le creative. Se siete a conoscenza di qualche tecnica e avete qualche tutorial che volete condividere per uno scambio di hobby mandatemi un’email a creativelifedonna@yahoo.com ogni settimana pubblicherò un vostro tutorial. Un bacio alla prossima

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.