Tommaso Giachetti ci presenta M1N3rS

Elison Publishing ci presenta il primo romanzo di Tommaso Giachetti

Sinossi: New York, un ormai piccolo uomo tradito da una tresca tra moglie e migliore amico, ubriaco, ondeggia su di un ponte sull’Hudson e, qualcuno, lo punta! Perché scriverne? È una storia come tante sembrerebbe ma, quel nessuno che intanto raggiungono, e derubano, e accoltellano, si lancia nel vuoto verso i gorghi del fiume invece che cercare aiuto, ancora tutto normale, straziante, ma banale, e invece no! Chi arma la mano degli assassini, lo conosce, chi guida gli eventi, sa! Sceglie il momento preciso, attraversa il tempo, e coincide eventi diversi di disparati spazi e tempi, che condensa, in quel preciso momento: mentre cade, infatti, un’astronave lascia la transdimen-sionalità proprio nello stesso spazio e tempo che occupa lui lanciato a fiume, ma perché? Milioni di mondi, dipendono da quella scintilla appena scaturita da un caso sapientemente indirizzato, e quella, animerà un fuoco che arderà attraverso lo spazio come un’eco. Ciò che deve accadere è stabilito. Starà a lui solo svelarsi, come svolgere il suo compito com’è scritto.  Ma come? Potrà, ora da abbandonato su di un planetoide minerario esaurito, alieno, e lontano da tutto? No! Ma, chi ha stabilito il succedersi degli eventi…

 

Ismael è un abile cuoco e la sua carriera in ascesa, un po’ come quella di chef stellati del calibro di Antonino Cannavacciuolo e Davide Oldani. Diversa è però l’ambientazione, dato che siamo nell’East Side di New York. E poi c’è anche Leo, il migliore amico d’Ismael, quello intraprendente e che ci sa fare con le donne. Galeotto fu il gastro-party organizzato da Leo e con Ismael ai fornelli, a partire dal quale nella vita di entrambi fa capolino Emma. “Intanto se la curava, e trovandone sovente lo sguardo su di lui come sperava, attese che tra le tante ci fossero le sue parole, ed allora, prese a parlarle lasciando che la conversazione con lei fosse costante, e le altre sporadiche”.
Il nostro protagonista se ne innamora e, corrisposto, la sposa. Il ristorante avviato da Leo ed Ismael va a gonfie vele. Vita privata e lavoro, tutto sembra andare per il verso giusto. Poi all’improvviso un infarto, a soli quarant’anni, e la vita di Ismael si tramuta in un inferno. Emma e Leo, oltre a dimostrarsi fedifraghi, si rivelano anche degli incauti amministratori. Da titolare di un ristorante in auge a fattorino di un modesto ristorante cinese; il passo indietro è troppo. Una serata di bevute e poi l’amara decisione di suicidarsi. Fine della storia? E invece no, perché tre scienziati, oltre a litigare stucchevolmente tra di loro, decidono di salvarlo trasbordandolo sulla navicella
spaziale Drufus 439. Totalmente sradicato dal suo habitat, Ismael ha per unica compagna una nanite chiamata Palletta, tutta da conoscere e programmare al suo servizio. Certo, per sopravvivere Ismael si deve tramutare in una razza schifosa e quasi estinta nominata Goblin, ma cosa non farebbe ognuno di noi pur di salvarsi? E da qui via alla conquista dello spazio, cercando di ritrovare l’autostima perduta e, soprattutto, nuovi alleati per vincere le battaglie. Ma gli altri pianeti saranno migliori della terra corrotta e ingrata appena lasciata?

Nel suo romanzo d’esordio Giachetti mi spiazza totalmente, poiché parte con una storia molto interessante e ben descritta, salvo poi incartarsi in un percorso simil Guerre Stellari nel quale i personaggi sono esposti come merce in vetrina senza essere ben tratteggiati. Ho trovato altresì eccessivo l’utilizzo del punto esclamativo, forse con il malcelato intento di dare enfasi ad una storia che manca sostanzialmente di pathos nella seconda parte.

 

Giudizio: 3/5

41oYA1AJCnL

Dati:

Genere: Romanzo di fantascienza

Lunghezza: 271 pagine

Editore: Elison Publishing

POV: terza persona

Link

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.